in ,

A quando risale l’uso dell’aromaterapia?

Molto prima che il termine “aromaterapia” venisse usato, coloro che la praticavano godevano già dei benefici degli oli essenziali e insegnavano agli altri le loro proprietà curative. Gli aromaterapeuti di un tempo hanno anche sviluppato i processi per l’estrazione di oli che hanno contribuito a spianare la strada per l’aromaterapia moderna.

Antico Egitto
Seimila anni fa, Imhotep, un medico egiziano, ha suggerito l’utilizzo di oli profumati per bagni e massaggi. A quel tempo, gli oli essenziali – come il legno di cedro, ginepro, incenso – sono stati utilizzati anche nei rituali religiosi. Si ritiene inoltre che gli Egiziani hanno creato tecniche di distillazione per l’aromaterapia.

Advertising

Antica Grecia
Intorno al 1200 aC, Asclepio divenne il primo medico che utilizzava le piante e le erbe durante gli interventi chirurgici. Allo stesso modo, Ippocrate, il “padre della medicina”,ha promosso l’uso di oli essenziali a scopo medicinale, anche se la sua attenzione si è concentrata sulla cura preventiva piuttosto che su un intervento chirurgico.

Antica Roma
Ampliando il lavoro degli antichi egizi e dei greci, il medico Claudio Galeno, che era il medico personale dell’ imperatore romano Marco Aurelio, ha iniziato ad usare gli oli essenziali per curare i gladiatori feriti.

Il Medioevo
Nel Medioevo, un professionista persiano dell’aromaterapia Al-Razi ha scritto numerosi libri e articoli sui benefici medicinali dell’aromaterapia e lo sviluppo dei dispositivi per trattare le erbe.

20° Secolo
Nel 1928, la parola “aromaterapia” è stata coniata da René-Maurice Gattefossé, un medico francese, con un interesse per gli effetti terapeutici degli oli essenziali che ha avuto inizio quando ha scoperto che l’olio di lavanda può guarire le ustioni.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Lo stress da lavoro è rosa

Un San Valentino… irresistibile