in

Alimenti acidi: cosa sono e come includerli nella dieta (include un elenco)

Gli alimenti acidi sono considerati quelli che promuovono un aumento del livello di acidità nel sangue, facendo lavorare l’organismo più duramente per mantenere il pH del sangue, indebolendo il sistema immunitario e aumentando il rischio di altre malattie. 

Alcune teorie come la dieta alcalina ritengono che i cibi acidi possano modificare il pH del sangue rendendolo più acido, tuttavia questo non è possibile perché l’equilibrio acido e base nel corpo è essenziale per il metabolismo e il funzionamento del sangue.

cellule, quindi il pH del sangue deve essere mantenuto in un intervallo compreso tra 7,36 e 7,44. Per mantenere questo intervallo, il corpo applica diversi meccanismi che aiutano a regolare il pH e compensare qualsiasi variazione che può esistere.

Ci sono alcune malattie o condizioni che possono acidificare il sangue e, in questi casi, a seconda della gravità, potrebbero mettere a rischio la vita della persona. Tuttavia, si ritiene che i cibi acidi possano (all’interno di questo intervallo di pH del sangue) far sì che il sangue tenda maggiormente verso il lato acido, facendo lavorare il corpo più duramente per mantenere il pH del sangue entro la norma.

Advertising

Tuttavia, gli alimenti se potessero acidificare il pH delle urine, come infatti avviene dopo l’ingestione di un alimento proteico o di un carboidrato semplice, poiché l’organismo sta eliminando le scorie che venivano prodotte avendo metabolizzato questo tipo di cibo, essendo questo meccanismi di compensazione mediante i quali il corpo regola il pH del sangue.

Ma è importante ricordare che il pH delle urine non riflette lo stato di salute generale dell’individuo o il pH generale del sangue e può essere influenzato da fattori diversi dalla dieta. 

Lista degli alimenti acidi

Gli alimenti acidi che possono alterare il pH sono: 

  • Cereali : riso, cuscus, grano, mais, grano saraceno, carruba, avena, segale, muesli, germe di grano e cibi preparati da questi cereali come pane, pasta, biscotti, torte, toast e torte;
  • Frutta : prugne, ciliegie, mirtilli, albicocche, ribes, frutta in scatola;
  • Latte e derivati come gelato, yogurt, panna, formaggio e latticello;
  • Uova ;
  • Salse tipo ketchup, maionese, senape, tabasco, wasabi, salsa di soia, aceto, salsa di ostriche;
  • Frutta a guscio : noci, arachidi o arachidi, noce del Brasile, pistacchi, merey o anacardi;
  • Girasole, chia, sesamo e semi di lino semi ; 
  • Cioccolato, zucchero bianco, popcorn, composte, marmellate, burro di arachidi, kefir, pizze;
  • Grassi come burro, margarina, olio d’oliva cotto e olio di girasole e canola;
  • Pollo, pesce e carni in genere, tuttavia i tagli con meno grassi sono meno acidi come la carne fresca. Particolarmente da evitare sono le carni lavorate come salsiccia, prosciutto, chorizo, pancetta e mortadella;
  • Crostacei , molluschi, cozze e ostriche;
  • Legumi : fagioli, lenticchie, ceci e soia;
  • Bevande : bibite, acque aromatizzate industrializzate, tè nero, succhi industrializzati, vino e bevande alcoliche.

Come includere cibi acidi nella dieta

Secondo la dieta alcalina, gli alimenti acidi possono essere inclusi nella dieta, tuttavia, devono comprendere tra il 20 e il 40% della dieta, il restante 60-80% sono alimenti alcalini. Quando si includono cibi acidi, vanno preferiti quelli naturali e poco lavorati come fagioli, lenticchie, noci, formaggi, yogurt e latte, poiché sono necessari per l’organismo, mentre vanno evitati cibi ricchi di zuccheri e farine bianche. 

Una dieta ricca di frutta, verdura e alimenti naturali è ricca di vitamine, minerali e antiossidanti che permettono all’organismo di regolare facilmente il pH del sangue, mantenendolo più verso il lato alcalino, favorendo il sistema immunitario e prevenendo l’insorgenza di varie malattie .

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Alimenti diuretici per la ritenzione di liquidi

Tirosina: cos’è, funzioni e alimenti che la contengono