in

Dai backstage dell’alta moda, tutte le tendenze beauty

Sulle passerelle milanesi abbiamo visto sfilare il meglio delle collezioni autunno-inverno 2011-2012, dai maxipull oversize con fasce tridimensionali di Missoni al ritorno del cappello stile english di Blugirl o a banda larga di Gucci, giacche hi-tech di Sportmax e cardigan castigati, pantaloni a vita alta e longuette dai tessuti impalpabili di satin (Krizia) o di pelle aderente (Ferrè).

E poi un tripudio di accessori, dagli orecchini di corallo ai bracciali e guanti.

Advertising

Ma dietro alle quinte all’opera c’erano anche hair stylist e makeup artist internazionali che ci hanno svelato qualche consiglio per rimanere sotto ai riflettori.

Ispirazioni western, labbra color caramello, eyeliner oro per dare luce allo sguardo, un viso abbronzato dalle sfumature del deserto e chiome mosse al naturale, sciolte o raccolte da poche forcine. E’ il trend per Dsquared2.

Moschino invece propone una “lolita” anni ’60, giovane, dal colorito fresco, con un make up naturale che punta sul mascara, un blush sulle guance, palpebre naturali velate tutt’al più da un color pesca, labbra rosa ma appena accennate e acconciature riproponibili anche a casa, dove si gioca con code morbide e ciocche libere che incorniciano il viso senza appesantire i tratti.

Completamente opposta è la visione della donna di Frankie Morello, androgina nelle acconciature rock, e mascolina nel trucco dove in evidenza vengono messe sopracciglia folte e marcate e labbra nude, alla ricerca di una sensualità provocatoria.

Urban e minimalista è l’incarnato perfetto di C’N’C, ispirato alla supermodella inglese Twiggy

. Lip gloss effetto nudo sulle labbra, capelli lucidi e raccolti in una semplice coda con riga laterale e qualche ciocca scomposta per creare volume.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Come diagnosticare il prurito d’atleta

Come la vitamina D migliora la differenziazione con il cloruro di cesio