Dieta per la colite ulcerosa
in

Dieta per la colite ulcerosa: cosa mangiare e cibi da evitare

La Dieta per la colite ulcerosa, da seguire durante la colite ulcerosa, è della massima importanza, poiché vi è una diminuzione dell’appetito, nausea, vomito, dolore addominale, diarrea, costipazione, disturbi del gusto e affaticamento, aumentando il rischio di malnutrizione.

Al momento non esiste una dieta specifica per la colite ulcerosa che possa essere consigliata per favorire la remissione nelle persone con malattia attiva, quindi è importante rivolgersi ad un nutrizionista affinché la dieta sia personalizzata, poiché il piano di Alimentazione sarà pianificato secondo il gravità della malattia, che sia attiva o meno, i sintomi presenti e lo stato nutrizionale dell’individuo. 

Esistono tuttavia alcune raccomandazioni generali che possono essere seguite al fine di evitare la malnutrizione, favorendo l’assorbimento dei nutrienti e un buono stato nutrizionale dell’individuo. 

Advertising

Dieta per la colite ulcerosa: Come riconoscere cosa causa disagio

La dieta per controllare ed evitare le crisi di colite varia da persona a persona, essendo necessario per l’individuo identificare quali sono gli alimenti che tendono a peggiorare la digestione, provocano dolori e disturbi addominali, diarrea, costipazione o aumento dei gas intestinali. 

Per questo motivo è importante che l’individuo tenga un diario alimentare, annotando tutti quelli consumati durante la giornata e se si manifestassero dei sintomi dopo aver mangiato. Ciò consentirà di identificare dopo alcune settimane quali sono gli alimenti che possono causare disagio e che dovrebbero essere evitati. 

È importante sottolineare che la colite può variare nel tempo, e con essa gli alimenti che irritano anche l’intestino, e durante una nuova crisi dovrebbero riprendere il diario alimentare in modo che il nutrizionista possa riadattare la dieta. 

Dieta per la colite ulcerosa: Cosa evitare

Quando hai la colite ulcerosa è importante evitare cibi che aumentano l’infiammazione nel corpo e irritano l’intestino, questi sono: 

  • Alimenti ricchi di grassi e fritti , essendo importante evitare i grassi lavorati come burro, margarina, strutto, soia e olio di mais; margarina,
  • Caffeina : caffè, tè verde, tè nero, tè mate, cola, cioccolato. Questi alimenti dovrebbero essere evitati durante gli attacchi di diarrea;
  • Pepe  e salse piccanti;
  • Alimenti ricchi di fibre  come fiocchi d’avena e frumento, semi, popcorn, verdure crude e frutta con buccia e bagassa, perché possono causare diarrea;
  • Zucchero e dolci  in genere, perché aumentano l’infiammazione a livello intestinale e peggiorano la flora intestinale; 
  • Carni lavorate  come salsiccia, chorizo, prosciutto serrano, prosciutto, mortadella, salame, petto di tacchino, pancetta e carne con grasso visibile;
  • Industrializzato ricco di sale e conservanti  come snack, biscotti industrializzati e surgelati come lasagne e pizza;
  • Condimenti in polvere  come pollo e cubetti di carne;
  • Salse come maionese, ketchup, senape, tra le altre;
  • Bevande alcoliche .

Con l’aiuto di un diario alimentare, sarà più facile identificare quali alimenti peggiorano i sintomi, tuttavia quelli sopra menzionati di solito irritano l’intestino e peggiorano i sintomi o scatenano attacchi. 

È inoltre importante ricordare che alcune persone con colite ulcerosa possono soffrire di intolleranza al lattosio, e in questi casi conviene evitare i latticini, così come altre potrebbero soffrire di intolleranza al glutine, fruttooligosaccaridi o un’allergia alimentare, in questi casi è l’ideale è andare da un nutrizionista per evitare che la dieta sia molto più restrittiva di quanto non sia già, potendo indicare diverse opzioni ed evitare la malnutrizione.

Dieta per la colite ulcerosa: Cosa mangiare

Per aiutare a ridurre l’infiammazione dell’intestino, migliorare la flora intestinale e prevenire nuovi attacchi, dovresti mangiare più pasti al giorno in piccole porzioni, masticare bene il cibo, mangiare in un luogo tranquillo e cuocere il cibo semplicemente (senza l’uso di condimenti) al vapore o alla griglia , evitando cibi fritti e salse. 

Non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una dieta o alimenti specifici per prevenire o curare la colite, ed è importante ricordare che le persone possono soffrire di intolleranze o allergie a determinati alimenti. Tuttavia, alcune raccomandazioni generali che possono essere seguite sono:

1. Carni magre

Il consumo di proteine ​​è della massima importanza durante questa malattia, perché gli individui tendono a perdere massa muscolare. Durante la fase attiva della malattia le quantità di proteine ​​dovrebbero essere aumentate, essendo raccomandate tra 1,2 e 1,5 g per chilogrammo di peso. Nei casi di crisi, l’assunzione di proteine ​​dovrebbe essere normale, a 1 g per chilogrammo di peso. 

Le proteine ​​da consumare dovrebbero essere a basso contenuto di grassi come pesce, uova, pollo e tacchino senza pelle. Nel caso della carne rossa, potrebbero essere tagli magri che non hanno grasso visibile e 1 o 2 volte a settimana al massimo. 

2. Latte e derivati 

Alcune persone con colite ulcerosa possono soffrire di intolleranza al lattosio, quindi il latte ed i suoi derivati ​​dovrebbero essere consumati, tenendo d’occhio sintomi come dolori addominali, diarrea e gas, dopo il consumo. La gravità dei sintomi dipenderà dal grado di intolleranza, dovendone limitare il consumo o consumarli in pochissime quantità e preferibilmente senza lattosio. 

È importante che in questi casi il calcio sia ottenuto da altre fonti alimentari, o se il medico lo ritiene necessario, tramite un integratore. Vedi cibi ricchi di calcio .

In quelle persone che non hanno questo problema, potrebbero consumare latticini in piccole porzioni, preferibilmente a basso contenuto di grassi. Yogurt e kefir sono ottime opzioni, poiché forniscono probiotici che aiutano a migliorare la flora intestinale e prevenire la diarrea. 

3. Frutta e verdura

Si consiglia di consumare frutta e verdura nei casi in cui la colite è attiva, senza buccia, senza bagassa, senza semi e preferibilmente cotta, per facilitarne l’assorbimento a livello intestinale ed evitare che sovrastimolino l’intestino. Questo perché frutta e verdura contengono fibre che stimolano i movimenti intestinali, quindi se ingerite durante la fase attiva o quando c’è un’ostruzione parziale, possono peggiorare i sintomi associati. 

Alcune verdure potrebbero causare gas come broccoli e cavolfiori, ad esempio, se questo accade dovrebbero essere evitate, ovviamente dipenderà da ogni persona. Guarda quali sono gli alimenti che producono gas .  

4. Medicazioni naturali

Per insaporire i cibi è possibile utilizzare erbe aromatiche disidratate come prezzemolo, rosmarino, coriandolo e basilico, ad esempio, oltre a cipolla e aglio per condire i pasti, evitando così l’uso di cubetti, sale e pepe. 

5. Grassi buoni

Il consumo di grassi buoni in piccole porzioni potrebbe essere benefico anche nelle persone con colite ulcerosa, grazie al suo contributo di acidi grassi essenziali e omega-3, che agiscono come antinfiammatori naturali nell’organismo. Questi grassi sono olio extravergine di oliva, olio di cocco, avocado, salmone, trota, sardine e olio di semi di lino. Vedi gli altri in cibi antinfiammatori .

6. Bere molta acqua

Poiché la colite ulcerosa può provocare diarrea o in alcuni casi stitichezza, è importante per entrambe le situazioni il consumo di liquidi, preferibilmente acqua, tuttavia potrebbe essere possibile consumare anche succhi naturali liquefatti e filtrati diluiti in acqua. 

In alcuni casi, la colite ulcerosa può peggiorare e causare complicazioni come diarrea grave e ostruzione parziale o totale dell’intestino, in questi casi l’individuo viene solitamente ricoverato in ospedale e l’alimentazione viene solitamente fornita attraverso un sondino. Scopri di più sulla nutrizione enterale e di cosa si tratta . 

7. Carboidrati 

I carboidrati sono un’importante fonte di energia e dovrebbero essere consumati alimenti come riso bianco, pasta, pane bianco, patate e questi cereali integrali dovrebbero essere evitati poiché contengono fibre insolubili che potrebbero non essere utili per le persone con colite ulcerosa. 

Puoi mangiare le fibre?

La fibra può causare problemi in alcune persone con colite ulcerosa attiva, causando dolore addominale e può peggiorare la diarrea. Le fibre si trovano in verdura, frutta, noci e cereali e ci sono due tipi di fibre: solubili e insolubili. In caso di colite ulcerosa, dovrebbero essere preferite le fibre solubili, in quanto potrebbero aiutare a migliorare i sintomi gastrointestinali. 

La fibra solubile è quella che si dissolve in acqua e forma una sorta di gel nell’intestino, aiutando a ridurre il transito intestinale ea sua volta la diarrea. Alcuni alimenti che li contengono sono pere, pesche, carote, mele, guava, banana verde, avocado e rapa.

La maggior parte degli alimenti contiene fibre sia solubili che insolubili, quindi cucinare, sbucciare e rimuovere i semi sono importanti per ridurre l’assunzione di fibre insolubili. È importante accorciare che quando la malattia è in remissione, non si deve prendere in considerazione una dieta ricca di fibre e si deve prestare attenzione alla quantità consumata.

Integratori

Le persone che soffrono di colite ulcerosa sono più vulnerabili alle carenze vitaminiche e minerali, a causa delle perdite intestinali causate dalla diarrea e dallo scarso appetito che si verificano principalmente durante la fase attiva. Solitamente il medico indica l’assunzione di un multivitaminico, tuttavia, potrebbe non essere sempre sufficiente per correggere le carenze, principalmente ferro, zinco e vitamina D. 

Per questo motivo è importante l’integrazione di questi micronutrienti, che devono essere indicati da un medico o nutrizionista, poiché è necessario quantificare i livelli di vitamine e minerali nel sangue per poter indicare la dose e gli integratori appropriati. Questi valori devono essere monitorati almeno una volta all’anno.

Altri integratori che potrebbero essere indicati nei casi di colite ulcerosa lieve o moderata sono i probiotici, poiché possono essere utili per aiutare a regolare la flora intestinale, migliorare la digestione, prevenire diarrea e costipazione e ridurre la formazione di gas, ricordando sempre che devono essere indicati da un medico .

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Olio di cocco: a cosa serve e come prepararlo

Aceto: cos’è, principali tipologie (bianco, balsamico …) e benefici