in

Dormire con le stagioni: guarda come il tempo influenza il tuo sonno

Hai mai notato che diversi periodi dell’anno o determinati modelli meteorologici influenzano il modo in cui ti senti o il tuo sonno? Sebbene molti aspetti del raggiungimento di un buon sonno siano …

Hai mai notato che diversi periodi dell’anno o determinati modelli meteorologici influenzano il modo in cui ti senti o il tuo sonno?

Sebbene molti aspetti del raggiungimento di un buon sonno siano sotto il nostro controllo, un fattore spesso trascurato è l’ambiente esterno. I cambiamenti di temperatura, pressione atmosferica, umidità e precipitazioni ci influenzano in molti modi, sia positivi che negativi.

Advertising

Quando si tratta di dormire, conoscere l’influenza del tempo può essere utile per prepararsi e alleviare la stanchezza.

L’inverno è una stagione particolarmente importante in questo senso. Mentre l’aria più fresca e secca produce alcuni benefici, l’atmosfera e i cambiamenti dei cicli solari possono svolgere un ruolo significativo nella qualità del sonno. Anche i cambiamenti in primavera, estate e autunno ci influenzano in modi diversi.

Continua a leggere per vedere come il tempo influenza le tue abitudini di sonno e cosa puoi fare per riposarti meglio.

Giorni più brevi possono influenzare la tua biochimica

Man mano che le giornate si accorciano durante l’autunno e l’inverno, vediamo sempre meno luce solare. Ciò è particolarmente vero quando ti ritrovi ad alzarti prima dell’alba o non lasciare il lavoro finché fuori è buio.

La vitamina D è importante per la produzione di serotonina e la serotonina è importante per molte funzioni, inclusi i nostri cicli sonno-veglia. La nostra principale fonte di vitamina D è la luce solare, il che significa che quando non riceviamo la luce solare ci perdiamo. La ricerca ha dimostrato che la mancanza di luce solare può aumentare i sentimenti di depressione e affaticamento e aumentare la voglia di carboidrati poiché i livelli di serotonina sono influenzati.

Livelli inferiori di vitamina D sono stati associati a una maggiore sonnolenza diurna e anche i cambiamenti nei cicli luce-buio possono influenzare il rilascio della melatonina da parte del corpo, facendoti sentire stanco prima o dopo del solito.

Se lavori in casa, prendi in considerazione l’idea di prendere il sole per diversi minuti durante una pausa o al mattino quando possibile. Se non puoi uscire regolarmente, lavora vicino a una finestra. In uno studio, Gli impiegati che sedevano vicino alle finestre ricevevano una maggiore esposizione alla luce bianca e dormivano meglio di quelli che non avevano finestre nelle vicinanze.

Gli effetti dell’inverno possono anche essere più gravi. La condizione chiamata Disturbo Affettivo Stagionale si verifica quando i sintomi della depressione diventano clinici e mostrano chiare fluttuazioni tra l’autunno / inverno e la primavera / estate.La ricerca collega anche il SAD con ridotta efficienza del sonno e meno sonno a onde lente. Il SAD è più comunemente diagnosticato tra le donne e alle latitudini settentrionali ed è trattato con terapia della luce bianca e farmaci.

L’aria più fresca ti aiuta a dormire meglio

La temperatura gioca un ruolo importante nell’insorgenza del sonno e dei ritmi circadiani. Mentre il tuo corpo si prepara ad avere sonnolenza e dormire, il tuola temperatura interna scende leggermente e rimane più basso fino a poche ore prima dell’orario di sveglia. (Anche la tua temperatura interna subisce un leggero calo intorno all’ora di pranzo, facendoti anche sentire sonnolento.)

La ricerca afferma che l’aria ambiente più fresca supporta il naturale processo di sonno profondo del corpo. La temperatura ambiente ideale per il riposo è compresa tra60 e 70 gradi, a seconda delle preferenze personali, dell’abbigliamento e della biancheria da letto. Temperature più fresche spesso si dimostrano molto più realizzabili nei mesi invernali grazie all’aria esterna più fresca.

Puoi moltiplicare questo effetto di caduta di temperatura facendo un bagno caldo una o due ore prima di andare a letto, togliendo strati extra o coccolando per qualche minuto prima di ritirarti in un letto fresco.

L’aria calda e umida rende più difficile dormire

Mentre le temperature fresche rendono il sonno più confortevole, l’estatel’aria ambiente calda e umida può fare l’opposto. Sentirsi caldo e appiccicoso non è solo fisicamente scomodo, ma può impedire al tuo corpo di stabilirsi in un sonno profondo e raccogliere i buoni ormoni rilasciati nelle fasi più profonde del riposo.

Oltre ad aumentare l’aria condizionata, usare ventilatori a soffitto e aprire le finestre di notte può aiutare a rinfrescare la stanza.

Inoltre, non mangiare troppo vicino al letto, poiché la digestione aumenta leggermente la temperatura corporea. L’uso di biancheria da letto e pigiama leggeri e in fibra naturale può anche aiutare la circolazione dell’aria.

Le tempeste interrompono il tuo sonno

Le piogge dolci creano un effetto calmante e bianco di notte, ma i temporali più rumorosi possono svegliarti o rendere più difficile addormentarti. Anche i temporali e il maltempo possono creare molta ansia .

Fattore di luce e suono nell’ambiente del sonno, quindi è facile vedere quanto forti tuoni e lampi luminosi possano essere fastidiosi. Le macchine o le app a rumore bianco e le maschere per gli occhi potrebbero aiutare, così come le tecniche di rilassamento come la respirazione profonda o l’immaginazione guidata.

L’apnea ostruttiva del sonno , la condizione caratterizzata da una respirazione interrotta durante il sonno, può anche essere influenzata in una certa misura dal tempo tempestoso. Uno studio delJournal of Clinical Sleep Medicine ha scoperto che la gravità dei sintomi aumenta con la pressione atmosferica più bassa associata ai sistemi meteorologici. Collegamenti tratemporali e asma sono stati anche documentati, forse a causa dell’aumento del polline nell’aria.

I cambiamenti meteorologici possono essere dolorosi

I cambiamenti di pressione barometrica, temperatura e umidità possono influenzare i livelli di dolore per chi soffre di dolori articolari e nervosi e rendere più difficile mettersi a proprio agio .

Ad esempio, il clima più freddo e l’aumento della pressione barometrica sembrano essere correlati con un aumento del dolore da artrite secondo uno studio della Tufts University e unStudio olandese ha scoperto che anche l’umidità più elevata sembrava svolgere un ruolo. D’altra parte, la caduta della pressione barometrica, le temperature estreme e l’umidità sono associateaumento delle emicranie in individui sensibili.

I ricercatori non sono del tutto sicuri del motivo per cui le persone provano più dolore durante determinate condizioni meteorologiche, ma è stato dimostrato che il dolore influisce sul sonnonumerosi studi. Alcuni comuni farmaci antidolorifici contengono caffeina e altri stimolanti, che influenzano anche la qualità del sonno.

Certe stagioni portano allergie e malattie

Ogni stagione porta nuovi allergeni, dal polline degli alberi e delle graminacee in primavera e in estate all’ambrosia autunnale e un’esposizione ancora più elevata agli acari della polvere in inverno. Come se il naso chiuso, il prurito agli occhi e l’irritazione del seno non fossero sufficienti a tenerti sveglio la notte, gli antistaminici possono anche influenzare il riposo. Sebbene gli antistaminici tendano a causare sonnolenza iniziale, possono effettivamente compromettere la qualità generale del sonno e rendere più probabili le parasonnie come il sonnambulismo.

Durante l’inverno, vediamo anche picchi di raffreddori e influenze, i cui effetti collaterali possono anche rendere scomodo il sonno. Temperature corporee elevate, russamento e tosse aumentati possono rendere il sonno più agitato e diversi tipi di farmaci per il raffreddore possono farti sentire nervoso anziché stanco. WebMD afferma che i colpevoli comuni includono la pseudoefedrina e la difenidramina. Gli sciroppi per la tosse con alcol possono anche compromettere i cicli di sonno profondo.

Nei climi freddi in cui il riscaldamento interno è spesso acceso, un umidificatore al minimo potrebbe anche essere un’utile aggiunta alla tua camera da letto poiché l’aria secca interna può disturbare i seni (e renderti più suscettibile ai germi).

Per molti degli argomenti di cui sopra, la ricerca sul perché o come il tempo e le stagioni influenzano il riposo è ancora nelle sue fasi iniziali. C’è ancora molto da imparare su ciò che il corpo e il cervello fanno durante il riposo e su come funziona la biologia alla base del sonno.

Quello che sappiamo è che il sonno è un processo complesso che dipende dall’individuo e dall’ambiente e che entrambi si dimostrano importanti. Studiare gli effetti del tempo è un altro percorso per aumentare la nostra comprensione e capire come possiamo ottimizzare il sonno sano.

Quindi, la prossima volta che ti ritrovi a rigirarti mentre si avvicina una tempesta o ti senti stanco nelle brevi giornate invernali, prova a dare un’occhiata all’influenza di fattori esterni oltre alla tua camera da letto e alle tue abitudini di sonno.

Lavorare con i fattori controllabili che sappiamo aiutano a dormire è un modo per ridurre gli effetti. Mantieni le camere da letto buie e fresche, i letti comodi, l’umidità interna moderata e segui un programma regolare sonno-veglia per aiutare a sostenere i tuoi ritmi circadiani naturali. Prendine un po ‘per valutare anche la tua zona notte. Il miglior materasso per dormire meglio fornirà la giusta quantità di comfort e supporto. Inoltre, conoscere alcune tecniche di rilassamento come i suoni ambientali e il rilassamento guidato può anche rivelarsi utile quando il tempo si impenna.

Il tempo influisce sul tuo riposo? Temperature più basse o più alte ti aiutano a dormire meglio?

Questo articolo è a scopo informativo e non deve sostituire i consigli del medico o di un altro professionista medico.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising
Dormire sul pavimento

Come dormire meglio quando sei malato

Decifrare la relazione tra sognare e dormire: un’intervista con il dottor Rubin Naiman, PhD