in

Impara a dormire tutta la notte naturalmente, senza svegliarti

Potresti pensare che avere difficoltà a dormire sia solo una parte dell’invecchiamento. Con una lista infinita di cose da fare, aumento dello stress e l’avvento di nuovi dolori e dolori che apparentemente …

Potresti pensare che avere difficoltà a dormire sia solo una parte dell’invecchiamento. Con una lista infinita di cose da fare, un aumento dello stress e l’avvento di nuovi dolori e dolori che apparentemente spuntano dal nulla, potrebbe sembrare inevitabile – e forse anche normale o previsto – che avrai difficoltà ad addormentarti notte.

Tranne che in realtà non è affatto normale. È vero che innumerevoli americani lottano per ottenere le sette-otto ore consigliate di notte di riposo. Ma spesso, avere problemi ad addormentarsi o rimanere addormentati è il risultato di una serie di scelte di vita che si moltiplicano insieme per produrre notte dopo notte di rigirarsi e rigirarsi.

Advertising

Nel tempo, questo può sommarsi a tutti i tipi di problemi. Secondo l’ American Academy of Sleep Medicine , l’interruzione cronica del sonno può causare affaticamento, difficoltà di concentrazione o di ricordo, sbalzi d’umore, scarsa motivazione o energia e un aumento del rischio di errori o incidenti. Risparmiare regolarmente sul sonno può anche portare a depressione, ipertensione e aumento di peso.

Quindi come puoi stroncare i tuoi problemi di sonno sul nascere prima che finiscano per rovinare la tua salute e la tua vita? Ecco cosa devi sapere per dormire tutta la notte in modo naturale e svegliarti riposato al mattino.

Motivi per cui ti svegli di notte

Ci sono tutti i tipi di cose che possono disturbare il tuo sonno. Non è raro essere colpiti da un attacco di insonnia a breve termine di fronte a stress, malattie o forti dolori. Alcuni farmaci, un ambiente di sonno scomodo o modifiche al normale programma del sonno (come il jet lag o un diverso programma di lavoro) possono rendere più difficile anche il sonno.

La buona notizia è che una volta che queste situazioni si saranno risolte, probabilmente sarai in grado di tornare a dormire sonni tranquilli. Ma se questi problemi persistono, come nel caso della depressione o dell’ansia, dello stress cronico o del dolore cronico, la tua insonnia potrebbe assumere una vita propria e durare a lungo.

I disturbi del sonno possono essere il risultato di alcuni problemi medici, come l’asma, le allergie, l’ipertiroidismo o il reflusso acido. E, naturalmente, i disturbi del sonno come l’apnea ostruttiva del sonno o la sindrome delle gambe senza riposo sono altri colpevoli comuni.

In questi casi, di solito si tratta di trovare una soluzione alla radice del problema prima di riuscire a ottenere veramente un sonno profondo e riposante. Se sai di avere a che fare con un problema di salute cronico e sospetti che stia influenzando il tuo sonno, o se la tua insonnia persiste anche dopo aver migliorato il tuo stile di vita, parla con il tuo medico. Insieme, puoi elaborare un piano per gestire la tua condizione in modo più efficace e, a sua volta, rendere più facile il sonno.

I problemi con i sonniferi

Se passi del tempo a guardare la TV, potresti pensare che la risposta alle tue notti insonni sia in una pillola. E mentre il CDC riporta che circa il 4% degli americani usa farmaci per dormire su prescrizione, i farmaci possono portare a effetti collaterali tra cui mal di testa, dolori muscolari, costipazione, secchezza delle fauci, sonnolenza diurna, difficoltà di concentrazione, vertigini e altro.

In altre parole, potresti non sentirti molto meglio che se fossi rimasto sveglio metà della notte. Mentre i sonniferi da prescrizione (o da banco) possono sembrare una soluzione rapida quando hai problemi a dormire, è facile sviluppare una tolleranza ai loro effetti sedativi. Nel tempo, è anche comune diventare dipendenti dai farmaci per il sonno, che indeboliscono la tua fiducia nella capacità del tuo corpo di dormire e possono peggiorare l’insonnia. Di conseguenza, la maggior parte dei medici e degli specialisti del sonno consigliano di prenderli solo per poche settimane, al massimo.

Questo è il motivo per cui è così importante praticare costantemente una buona igiene del sonno. È un po ‘come cercare di perdere peso. Puoi provare una dieta accelerata nel tentativo di perdere 10 libbre in una settimana e potresti ottenere risultati. Ma per mantenere quel peso fuori e raccogliere i benefici per la salute a lungo termine, è necessario apportare modifiche permanenti al modo in cui mangi che puoi sostenere per il resto della tua vita.

Impegnarsi per un ciclo del sonno coerente

Alzata di mano se hai mai fatto quanto segue: sei rimasto sveglio fino a tardi e / o hai avuto problemi ad addormentarti durante la settimana, solo per sentirti esausto quando è ora di svegliarsi per lavoro. Una volta che il fine settimana arriva, sei così zonizzato che finisci per dormire fino a mezzogiorno. Quando è ora di andare a letto a un’ora ragionevole la domenica sera, non sei stanco.

Siamo caduti tutti vittime del turno di posticipo nei giorni feriali / fine settimana, ma il costante cambiamento di programma e lo sforzo per recuperare il sonno perso sta distruggendo le tue possibilità di una notte solida di qualità shuteye. Hai bisogno di una prova?

Quando i ricercatori statunitensi e britannici hanno messo volontari sani in un ciclo di 33 ore di veglia seguite da 10 ore di sonno per 21 giorni, i volontari hanno sofferto anche se avevano un tempo di sonno più lungo per compensare il tempo extra sveglio. Anche se il “recupero del sonno” sembrava ripristinare le prestazioni dei volontari per le prime ore dopo il risveglio, con il passare del periodo di studio, il tempo di reazione dei volontari è rallentato e hanno sviluppato più problemi di concentrazione.

“Rendere il sonno una priorità e considerare il sonno come una componente significativa per la salute e il benessere è un buon inizio [per dormire tutta la notte]”, ha aggiunto Lucy Wolfe, consulente pediatrica del sonno e proprietaria di Sleep Matters . Stabilisci un momento di andare a letto appropriato che ti permetta di dormire abbastanza per sentirti riposato quando ti svegli, ha detto Wolfe. Per la maggior parte delle persone, il momento migliore per andare a dormire per dormire una notte intera è tra le 22:00 e le 23:00, ha aggiunto.

Esperti come Wolfe sanno che il tuo corpo ha bisogno di costanza, non interminabili ore di veglia e occasionali lunghi periodi di sonno, per mantenere un sano ciclo sonno-veglia e funzionare al meglio. Per evitare il destino di quei volontari privati ​​del sonno, è essenziale seguire una routine del sonno e fare uno sforzo per andare a dormire e svegliarsi alla stessa ora tutti i giorni della settimana (compresi i fine settimana).

Come un cucciolo che impara di fare la sua passeggiata ogni mattina alle 7:30, il tuo corpo si adatterà al tuo nuovo programma. Inizierai a sentirti stanco prima di andare a letto e potresti persino arrivare a un punto in cui ti svegli in orario senza la sveglia. Certo, potrebbe sembrare folle adesso, ma può succedere!

Rendi l’esercizio una priorità per dormire meglio

Se hai mai passato la giornata a fare assolutamente nulla davanti alla TV, sai che nel tardo pomeriggio di solito finisci per sentirti ancora più pigro di quando sei caduto per la prima volta sul divano. Eppure, di solito è piuttosto difficile addormentarsi di notte.

Gli esperti sanno da tempo che le persone attive tendono a dormire meglio delle loro controparti sedentarie. In un Studio della salute mentale e dell’attività fisica su oltre 2.600 uomini e donne di età compresa tra i 18 e gli 85 anni, fare 150 minuti di esercizio a settimana significava sentirsi molto meno assonnati rispetto a coloro che si allenavano di meno o per niente. 

Ovviamente, c’è una ragione ovvia per questo: muoversi ti logora più di quanto non lo faccia stare fermo. Secondo il dottor Jade Wu, esperto di medicina del sonno comportamentale , Ph.D. della Duke University, essere attivi durante il giorno aiuta a sviluppare il sonno omeostatico, essenziale per dormire bene la notte.

“Il sonno omeostatico è come un pallone: ​​inizia vuoto al mattino e si sviluppa durante il giorno”, dice il dottor Wu. “Più grande è il tuo pallone prima di coricarti, maggiori sono le probabilità che tu dorma in modo solido e di buona qualità. L’esercizio fisico aiuta a riempire il palloncino: più è, meglio è. “

Ma non è solo questione di sudare per far sentire il tuo corpo esausto. SecondoRisultati brasiliani, l’esercizio fisico aiuta a ridurre la sensazione di stress e ansia tra le persone con insonnia, che di per sé potrebbe aiutare ad aumentare il tempo di sonno di oltre il 20%.

Ma non devi correre maratone o passare ore in palestra ogni giorno per raccogliere i frutti. Entrambi gli studi hanno esaminato le persone che hanno partecipato a un esercizio aerobico moderato, come camminare, fare jogging o andare in bicicletta. E anche se 150 minuti potrebbero sembrare tanti, non è molto quando li dividi nel corso della settimana: potresti fare 20 minuti di esercizio ogni giorno o 50 minuti solo tre volte a settimana.

Oh, e un’altra cosa. Potresti pensare che allenarti al mattino sia un must, dal momento che fare esercizio dopo il lavoro potrebbe amplificarti e rendere più difficile addormentarti. Ma questo non ha effetto nella ricerca.

Un sondaggio suggerisce che non vi è alcun danno all’esercizio serale, nonostante la saggezza convenzionale. In effetti, unoStudio ScienceDirect ha scoperto che le persone dormivano meglio quando andavano a dormire 90 minuti dopo una sessione di allenamento intensa.

Sfrutta il potere della luce naturale

Considerando il fatto che dormiamo al buio, potresti non pensare che l’esposizione alla luce abbia molto, se non altro, a che fare con la qualità del tuo sonno. Ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità.

L’orologio interno del corpo, quello che determina quando ti svegli e quando ti senti stanco, è dettato dal ciclo di 24 ore del giorno e della notte. Quando il nucleo soprachiasmatico, l’area del cervello che funge da orologio principale del corpo per il sonno-veglia e tutti i tipi di altre funzioni biologiche, percepisce il cambiamento dei segnali luminosi, dice al tuo corpo di produrre più o meno la melatonina, l’ormone del sonno. Durante il giorno, produci meno melatonina, quindi ti senti energico e vigile. Di notte, produci più melatonina, quindi ti senti assonnato.

Ecco perché l’esposizione alla luce naturale durante il giorno può aiutarti a dormire meglio. Ma se l’unica volta che vedi il sole è quando cammini verso o dalla tua auto, potresti non averne abbastanza.

Scettico? quandoRicercatori brasiliani confrontando i lavoratori che avevano finestre nei loro uffici con i lavoratori i cui uffici erano senza finestre, i risultati sono stati sorprendenti. Rispetto ai lavoratori senza finestre, i lavoratori con finestre avevano livelli più bassi di melatonina alle 8:00, quando dovevano essere attenti al lavoro.

Inoltre, avevano livelli più alti di melatonina alle 22:00, quando era ora di iniziare a rilassarsi per la notte. E indovina cosa? Tendono a dormire meglio e riportano meno sintomi depressivi rispetto alle loro controparti senza finestre.

Ovviamente è vero anche il contrario. Se l’oscurità segnala al tuo corpo di produrre più melatonina che favorisce il sonno, troppa esposizione alla luce durante la notte potrebbe farti girare e rigirarti.

L’uso di tende pesanti o tende oscuranti nella tua camera da letto può bloccare la luce esterna e avvolgerti in un velo di oscurità favorevole al sonno. Ma di questi tempi, è meno probabile che il problema sia un frammento di luce lunare o di luce stradale che scorre nella tua stanza. Più spesso, la luce notturna che ruba il sonno proviene da computer, smartphone, tablet e persino da alcune lampadine a risparmio energetico.

Forse non sorprende che, secondo un recente sondaggio della National Sleep Foundation, il 95% degli americani afferma di utilizzare regolarmente un qualche tipo di computer, telefono o videogioco entro un’ora dal momento in cui si va a dormire.

Ma la luce che proviene dai tuoi dispositivi elettronici sopprime la produzione di melatonina, quindi finisci per sentirti eccitato quando la tua testa colpisce il cuscino piuttosto che assonnato. Infatti,Ricerca di Harvard suggerisce che l’esposizione alla luce blu durante il giorno può sopprimere la produzione di melatonina il doppio dell’esposizione ad altri colori chiari e può spostare il ritmo naturale sonno-veglia del tuo corpo fino a tre ore.

Per aumentare le probabilità di dormire meglio, gli esperti consigliano di massimizzare l’esposizione alla luce naturale diurna e di ridurre al minimo l’esposizione alla luce notturna a lunghezza d’onda corta (cioè luce blu o luci a spettro completo) il più possibile. Puoi iniziare sollevando le tende o le persiane della tua camera da letto non appena ti svegli, e sedendoti vicino alle finestre o trascorrendo del tempo all’aperto durante il giorno. (Fai il tuo esercizio quotidiano all’aperto, ed è un doppio colpo a favore del sonno.) Se ciò non bastasse, prova ad andare senza occhiali da sole per un’esposizione ancora maggiore al sole.

Per quanto riguarda evitare la stimolazione della luce blu?Suggeriscono gli esperti del sonno di Harvard spegnere i tuoi dispositivi elettronici due o tre ore prima di andare a letto, il che darà al tuo corpo abbastanza tempo per rilassarsi prima di accendersi per la notte. Se non riesci a staccare la spina per così tanto tempo, prova ad andare almeno senza tecnologia per l’ultima ora della sera.

Oppure considera di indossare occhiali blu che bloccano la luce. Certo, potrebbe sembrare strano indossare occhiali da sole al chiuso, ma la ricerca suggerisce che farlo può davvero fare la differenza. In unstudi recenti, I ricercatori cinesi hanno esaminato la qualità del sonno dei pazienti anziani che avevano ricevuto impianti di lenti artificiali che bloccano la luce blu durante l’intervento di cataratta. Due mesi dopo aver ricevuto gli impianti per lenti, i pazienti dormivano più a lungo e più profondamente e si sentivano meno stanchi durante il giorno.

Non è tutto.Un altro studio condotto da ricercatori dell’Università di Toledo, ha confrontato gli adulti che indossavano occhiali blu anti-luce per tre ore prima di andare a letto con quelli che indossavano normali occhiali da sole anti-UV. Nel corso di tre settimane, coloro che hanno indossato gli occhiali blu che bloccano la luce hanno riferito di aver dormito meglio e di essere di umore migliore. Le altre persone? Non così tanto.

Usa i sonnellini tutto il giorno a tuo vantaggio

Un pisolino diurno non compenserà necessariamente il non dormire abbastanza la notte. Ma può aumentare il tuo umore e la tua attenzione, oltre a darti l’energia di cui hai bisogno per affrontare il resto della giornata.

Brevi sonnellini (20-30 minuti) all’inizio della giornata possono essere uno strumento per evitare che il ciclo del sonno venga messo fuori combattimento. Quando torni a casa esausto dopo una giornata faticosa, potresti avere maggiori probabilità di schiantarti sul divano e addormentarti la sera presto. Ma questo può portarti a svegliarti nel mezzo della notte o svegliarti troppo presto, il che ti farà sentire stanco solo il giorno successivo .

E quando le fai bene, non renderanno più difficile colpire il fieno prima di coricarsi. La chiave principale è mantenere il pisolino relativamente breve. Un posticipo di 20-30 minuti è sufficiente per farti sentire riposato e ricaricato senza farti intontire, dicono gli esperti. Ma mantenere la siesta ancora più breve potrebbe essere meglio. In un studiopubblicato sulla rivista SLEEP un pisolino di 10 minuti si è dimostrato il più efficace nel ridurre la sonnolenza diurna e nel potenziare le prestazioni cognitive.

Se temi che la consegna per un pisolino di mezzogiorno possa trasformarsi in una festa per snooze per tutto il pomeriggio, imposta una sveglia. Potrebbe non essere divertente, ma è meglio che svegliarsi completamente disorientato due ore dopo e rigirarsi tutta la notte perché hai esaurito tutta la tua sonnolenza per quel lungo pisolino.

Un altro suggerimento importante? Evita di fare un pisolino troppo tardi. La maggior parte di noi in genere sperimenta una pausa a metà pomeriggio, di solito intorno alle 14:00 o alle 15:00, che è esattamente quando vuoi spegnere. A quel punto, un pisolino più breve di 30 minuti non interferirà con la tua capacità di addormentarti la notte.

Tuttavia, ognuno è diverso. Se ti accorgi che anche un breve pisolino fatto in qualsiasi momento dopo le 14:00 rende più difficile addormentarti di notte, o se hai sofferto di insonnia cronica, non farlo. Sperimenta con tempi e lunghezze diversi per trovare i sonnellini che ti fanno sentire riposato e rigenerato, ma che ti permettono comunque di dormire prima di coricarti.

Mangia cibi sani per favorire il sonno

Probabilmente sai che evitare la caffeina nelle ore che precedono l’ora di andare a dormire può aumentare significativamente le tue probabilità di dormire bene la notte. (Ma nel caso in cui non lo facessi, ci vogliono circa sei ore prima che la caffeina si elimini dal tuo sistema. Quindi, se stai girando per l’ora di andare a letto alle 22:00, interrompi il java entro le 14:00.)

Ma dormire bene non significa solo evitare cibi o bevande sbagliati. Alcuni alimenti possono effettivamente aiutarti a dormire ancora meglio, come questi:

  • Banane: quando hai voglia di qualcosa di dolce prima di consegnarti, prendi uno dei frutti gialli, che sono ricchi di minerali rilassanti per i muscoli come potassio e magnesio. Le banane contengono anche l’aminoacido triptofano, che si scompone in melatonina e serotonina (entrambi importanti sostanze neurochimiche per la regolazione del sonno) nel cervello.
  • Ricotta a basso contenuto di grassi: se soffri di bruciore di stomaco notturno, fare spuntini con cibi ricchi di proteine ​​e pochi grassi come la ricotta prima di andare a letto può aiutare a combattere il reflusso acido. È anche ricco di calcio, che aiuta a regolare la produzione di melatonina da parte del corpo.
  • Ciliegie: sono una delle poche fonti alimentari di melatonina, motivo per cui mangiare una ciotola prima di andare a letto potrebbe aiutarti a uscire. Ma se la frutta non è di stagione, prova invece un bicchiere di succo di amarena. Una recente ricerca della Louisiana State University ha scoperto che bere la roba due volte al giorno aiuta chi soffre di insonnia a registrare altri 90 minuti di sonno.
  • Salmone: potrebbe non essere la tua prima scelta per uno spuntino di mezzanotte, ma cenare a base di salmone potrebbe aiutarti a dormire più profondamente. RecenteRicerca britannica ha scoperto che avere livelli ematici più elevati di DHA, l’acido grasso omega-3 che si trova nei pesci grassi, è associato a un sonno migliore nei bambini. Ma se non sei un fan del pesce, prendere un integratore giornaliero da 600 mg è altrettanto buono.
  • Crostini: Abbiamo tutti sperimentato quella sensazione di sonnolenza che viene dopo aver mangiato un pasto ricco di carboidrati. E ora, gli esperti stanno iniziando a capire perché. I carboidrati influenzano i livelli di insulina, che sembrano avere un ruolo nella regolazione dell’orologio sonno-veglia del corpo, suggerisce un recenteStudio giapponese fatto con i topi. Naturalmente, mangiare troppo può portare a un sonno irrequieto e interrotto. Quindi salta la gigantesca ciotola di mac e formaggio a favore di una fonte di carboidrati più leggera, come un pezzo di pane tostato o alcuni cracker integrali.
  • Kiwi: altro dolce che può aiutarti a dormire sono i kiwi, ricchi di potassio, calcio, fosforo, acido folico, magnesio e altro. UNstudio da Taiwan ha scoperto che mangiare due kiwi un’ora prima di coricarsi migliorava significativamente il sonno.
  • Noci brasiliane: una delle migliori fonti di selenio, che è un micronutrientechi ha il sonno corto tende a mancare, queste mega noci contengono anche minerali come fosforo e magnesio. Le noci del Brasile sono particolarmente buone per i vegetariani, poiché la maggior parte delle altre fonti di selenio sono di origine animale.
  • Popcorn: quando vengono espulsi all’aria e fatti con una quantità minima di olio, i popcorn possono essere uno spuntino sano e soddisfacente. Due tazze schioccate sono solo circa 60 calorie e apporta carboidrati soddisfacenti, minerali e antiossidanti polifenolici. Condisci con un po ‘di olio di cocco al posto del burro per aumentare la posta con acido laurico.

Avere una routine per andare a dormire e mettersi comodi

Sai già che svegliarsi alla stessa ora ogni giorno rende più facile addormentarsi. E per provocare quella sensazione di sonnolenza, aiuta ad avere una tranquilla routine della buonanotte.

“Per coloro che sono suscettibili all’insonnia, suggerisco di mangiare leggero e presto, niente caffè e di spegnere il computer almeno 2 ore, se non 3 ore prima di andare a letto”, ha detto Alison Francis, la Sleep Guru , consulente del sonno. “Per una notte di sonno davvero eccezionale potresti praticare un esercizio di respirazione. È così lenitivo e rilassante, [può] stimolare la serotonina e calmare la mente. “

Le routine della buonanotte servono a due scopi importanti. In primo luogo, sono pensate per essere rilassanti, non pazze eccitanti, quindi inizi naturalmente a sentirti più calmo e meno vigile. In secondo luogo, formano un’associazione comportamentale. Proprio come indossare le scarpe da ginnastica ti dà il segnale che è ora di fare esercizio, una routine della buonanotte ti dà il segnale che è ora di dormire.

Per fortuna, non deve essere complicato o elaborato. Attività semplici come queste funzionano altrettanto bene:

  • Fare un bagno caldo con le bolle
  • Leggere un libro
  • Scrivere sul diario
  • Allungamento

E una volta che ti metti a letto, assicurati che il tuo ambiente sia confortevole. Certo, potrebbe sembrare una manutenzione un po ‘alta, ma può davvero fare la differenza. Ecco alcuni semplici modi per trasformare la tua camera da letto in un paradiso per il sonno:

  • Tienilo fresco. La temperatura ideale per dormire è di circa 65 °, quindi imposta il termostato di conseguenza. Se ti sembra troppo freddo per il comfort, prova a trovare la temperatura giusta per te.
  • Tienilo al buio. Ricordi quando abbiamo parlato della luce che fa male al sonno? Lo è davvero, davvero. Investi in tonalità pesanti che impediscano alla luce esterna di penetrare. Se sei veramente sensibile, metti del nastro nero sull’orologio o sullo stereo. E tieni il tuo smartphonesudella tua stanza!
  • Stai zitto. Se vivi in ​​una città o hai coinquilini rumorosi o familiari, trova un modo per bloccare i suoni che rubano il sonno. I tappi per le orecchie fanno miracoli, ma se non sei un fan, anche una macchina per il rumore bianco farà il trucco.
  • Tienilo comodo. Scegli coperte e cuscini in fibra naturale, che intrappolano meno calore e ti permettono di dormire più comodamente. E se il tuo materasso non lo taglia, prendi in considerazione la possibilità di acquistarne uno nuovo. Dopo tutto, è un investimento per la tua salute.

Passi per affrontare il dolore cronico

Il dolore cronico non si ferma solo perché sei pronto per andare a colpire il fieno. I problemi di dolore spesso divampano di notte, rendendo più difficile raggiungere il mondo dei sogni e restarci. Infatti, il 21% degli americani che si occupano di dolore cronico ha un deficit medio di sonno di 42 minuti rispetto ai loro coetanei senza dolore. 

Che tu abbia a che fare con il mal di schiena , mal di testa, dolore facciale come l’ATM o dolori articolari o muscolari come l’artrite, un forte disagio ha la tendenza a svegliarti per tutta la notte, portando a un sonno frammentato. A peggiorare le cose, la privazione del sonno può intensificare qualunque cosa tu abbia a che fare.Uno studio pubblicato su SLEEP ha scoperto che solo una notte di sonno scarso può aumentare la sensibilità al dolore fino al 25%.

Tutto ciò si aggiunge a questo: se soffri di dolore cronico, adottare misure per ridurre al minimo il disagio notturno potrebbe aiutarti a dormire meglio. E dormendo meglio, potresti effettivamente finire per sentirti un po ‘meno a disagio il giorno successivo.

A seconda di dove stai soffrendo, certe posizioni possono aiutarti a dormire più profondamente. Ecco alcuni aggiustamenti da provare prima di chiedere consiglio a un ortopedico o medico del dolore:

  • Mal di schiena: dormi sulla schiena o su un fianco con un cuscino sotto le ginocchia per ridurre la pressione sulla colonna vertebrale. Se il tuo dolore è frequente o intenso, ti consigliamo di investire nel miglior materasso per il mal di schiena e di abbinarlo a un giroletto regolabile. I materassi progettati per alleviare il dolore supportano un sano allineamento della colonna vertebrale, che può alleviare il disagio e prevenire futuri punti di pressione.
  • Dolore al collo: dormi su un fianco con un cuscino più in alto sotto il collo che sotto la testa. Oppure, dormi sulla schiena con un cuscino piatto.
  • Dolore alla spalla o all’anca: alleggerisci la pressione e la sensibilità dormendo su un lato senza dolore.
  • Bruciore di stomaco: dormi con un cuscino a cuneo o sul lato sinistro. Entrambi rendono più difficile la fuoriuscita di acido dallo stomaco.

Naturalmente, se hai a che fare con un disagio davvero grave, è probabile che cambiare la posizione del sonno ti porterà solo fino a un certo punto. Per un sollievo più profondo, potrebbe avere senso dare un’occhiata al tuo materasso. Se il tuo ha più di otto o dieci anni, probabilmente è consumato e cedevole nel mezzo. Quindi, invece di dormire su una superficie piana e di supporto, stai dormendo in uno spazio che è una specie di buco.

Che tipo di materasso dovresti comprare? Dipende da come ti piace dormire. Le traversine laterali potrebbero fare meglio con un materasso da peluche a medio rigido, mentre coloro che preferiscono dormire sulla schiena faranno meglio con un materasso da medio a rigido. Se dormi a pancia in giù , un letto più solido potrebbe essere la soluzione migliore, poiché può aiutarti a evitare che la parte superiore del corpo si inchini. Considerare le tue preferenze personali e le tue esigenze di sonno ti guiderà verso il miglior materasso per te. 

Questo articolo è a scopo informativo e non deve sostituire i consigli del medico o di un altro professionista medico.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Dormire troppo: gli effetti e i rischi per la salute di dormire troppo

Dormire sul pavimento

Il sonno può essere semplificato nel prossimo futuro? Può essere.