in

La luce infrarossa può essere un nuovo modo per aiutare a diagnosticare l’artrite reumatoide

Non esiste un singolo test per diagnosticare l’artrite reumatoide. La diagnosi di artrite reumatoide (RA),una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario del corpo attacca il rivestimento delle articolazioni, è tradizionalmente fatta attraverso una varietà di test, come il sangue e l’imaging. Uno studio pilota dell’Università di Birmingham pubblicato il 20 giugno 2019, sul Journal of Biomedical Optics ha mostrato promessa nell’utilizzo della luce infrarossa come metodo rapido e non invasivo per diagnosticare la malattia e monitorare l’efficacia del trattamento.

La luce infrarossa può rendere possibile la diagnosi precoce

Non esiste una cura per l’AR,quindi questo strumento potrebbe potenzialmente portare a una diagnosi precoce e alla gestione delle malattie, che fornisce migliori risultati a lungo termine. “La luce infrarossa è innocua e può essere utilizzata regolarmente. Inoltre, poiché fornisce informazioni sullo stato della malattia, può essere una tecnica oggettiva per aiutare a comprendere meglio la progressione della malattia e quindi la prognosi. Nel nostro studio limitato, abbiamo dimostrato una buona precisione rispetto alla valutazione clinica di un esperto. Questo potrebbe a sua volta consentire una diagnosi più veloce e quantitativamente accurata,” dice Hamid Dehghani, PhD, professore di imaging medico presso la scuola di informatica presso l’Università di Birmingham in Inghilterra, che ha guidato il piccolo studio. Sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare i risultati.

La terapia della luce può anche contribuire a migliorare il trattamento dell’artrite reumatoide

“Il potenziale di questa tecnica è quello di consentire al medico di monitorare il trattamento e la progressione della malattia. Se un paziente non risponde a un particolare trattamento, allora questo può essere cambiato per migliorare l’esito,” dice il Dottor Dehgani, che è stato assistito in questo studio da Daniel Lighter, ricercatore di dottorato, e Andrew Filer, PhD, reumatologo consulente, sia presso l’Università di Birmingham.

Advertising

Come funziona la luce infrarossa (terapia della luce di basso livello)?

Questa nuova tecnica, che è stata sviluppata dal team della School of Computer Science dell’Università di Birmingham in collaborazione con Health Technologies Institute e Reeumatologi nel NIHR Birmingham Biomedical Research Centre, utilizza l’imaging digitale tridimensionale con spettroscopia a infrarossi per creare un’immagine tridimensionale del contenuto di sangue.

La luce viene assorbita dal tessuto umano in modo diverso a seconda della sua condizione biologica e funzionale. In particolare la quantità di sangue e acqua altera quanta luce passa attraverso il tessuto e la quantità di ossigeno determina quali colori sono più fortemente assorbiti. RA altera la condizione del tessuto, in particolare la quantità di sangue (a causa di aumento della vascolatura e del flusso), la quantità di ossigeno (ipossia, una diminuzione dell’apporto di ossigeno ai tessuti, è dovuta all’aumento del metabolismo),e la quantità di acqua (a causa del gonfiore). Attraverso l’imaging della luce infrarossa, “possiamo rilevare questi sottili cambiamenti misurando quanta luce viaggia attraverso il dito e a quali lunghezze d’onda”, spiega Dehghani.

Un passo verso un trattamento personalizzato per l’AR?

Dehghani ritiene che questo sarà meglio per la cura del paziente, in quanto non avrebbero dovuto aspettare per un lungo periodo di tempo per essere valutati da un medico durante il trattamento. “Questo ridurrà l’ansia per il paziente, migliorando potenzialmente l’esito clinico e riducendo nel complesso il costo del trattamento”, afferma.

Una parola di cautela su ‘The Light Touch’

Non tutti i ricercatori sono altrettanto ottimisti sul futuro uso della luce infrarossa per uno strumento diagnostico. Howard B Cotler, MD, un chirurgo ortopedico con sede a Houston, riferisce che “mentre siamo sempre alla ricerca di una cura nonnarcotica e non invasiva, lo studio del sangue tradizionale per la diagnosi precoce è più accurato della luce infrarossa, a mia conoscenza. Non è possibile effettuare una diagnosi definitiva a causa di una valutazione della luce di basso livello perché è un positivo nonscrittivo. Non può distinguere tra i diversi tipi di artrite e antigeni, come si può da altri strumenti diagnostici. A questo punto, non è paragonabile alla cura tradizionale.”

Correlata: Artrite reumatoide e Gout: Qual è la differenza?

Egli sottolinea anche che la maggior parte delle assicurazioni negli Stati Uniti non coprirà la terapia della luce, quindi finanziariamente non ha senso neanche.

La luce infrarossa può essere utile nel controllo dei sintomi RA

Dr. Cotler è d’accordo che la terapia della luce può essere utile nel controllo dei sintomi di RA. “La terapia laser a basso livello è una cura sintomatica molto efficace, ma non è una curativa. Tuttavia, non coinvolge iniezioni, farmaci, o narcotici e non è doloroso, ed è bravo a diminuire il dolore, l’infiammazionee il gonfiore,” dice.

Aggiunge: “Il punto è che le cure non invasive sintomatiche prima della diagnosi definitiva sono ragionevoli. Ma se i sintomi non rispondono e indugiano, allora hai bisogno di una diagnosi. Consultare il medico, perché alcuni artritidi sono potenzialmente pericolosi per la vita.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Tylenol mal di gola: utilizzo, dosaggio e controindicazioni

RibaPak 600: utilizzo, dosaggio e controindicazioni