in

SARS, prevenzione e protezione

Informazioni sulla prevenzione e protezione dalla SARS.

Sindrome respiratoria acuta grave (SARS), prevenzione e protezione

Protezione personale e familiare Cosa devo fare se penso di avere la SARS?
Se si è ammalati di febbre superiore a 100,4 ° F [> 38,0 ° C] accompagnata da tosse o difficoltà respiratorie o che progredisce in tosse e / o difficoltà respiratorie, consultare un medico. Per aiutare il tuo medico a fare una diagnosi , parlagli di qualsiasi viaggio recente in regioni in cui sono stati segnalati casi di SARS e se eri in contatto con qualcuno che ha avuto questi sintomi.

Cosa ha raccomandato il CDC per prevenire la trasmissione della SARS nelle famiglie? CDC
ha sviluppato
raccomandazioni provvisorie per il controllo delle infezioni
per i pazienti con sospetta SARS in casa. Le precauzioni di base delineate in questo documento includono quanto segue:

  • Le precauzioni per il controllo delle infezioni devono essere continuate per i pazienti con SARS per 10 giorni dopo che i
    sintomi respiratori e la febbre sono scomparsi. I pazienti con SARS dovrebbero limitare le interazioni fuori casa e non dovrebbero andare al lavoro, a scuola, all’asilo nido o in altre aree pubbliche durante il periodo di 10 giorni.
  • Durante questo periodo di 10 giorni, tutti i membri della famiglia con un paziente affetto da SARS devono seguire attentamente le raccomandazioni per l’ igiene delle mani , come il lavaggio frequente delle mani o l’uso di sfregamenti a base di alcol.
  • Ogni paziente con SARS dovrebbe coprirsi la bocca e il naso con un fazzoletto prima di starnutire o tossire. Se possibile, una persona che si sta riprendendo dalla SARS dovrebbe indossare una mascherina chirurgica durante il contatto ravvicinato con persone non infette. Se il paziente non è in grado di indossare una mascherina chirurgica, altre persone in casa dovrebbero indossarne una quando sono a stretto contatto con il paziente.
  • Guanti monouso dovrebbero essere presi in considerazione per qualsiasi contatto con fluidi corporei di un paziente con SARS. Tuttavia, immediatamente dopo le attività che comportano il contatto con i fluidi corporei, i guanti devono essere rimossi e gettati e le mani devono essere lavate. I guanti non devono essere lavati o riutilizzati e non sono destinati a sostituire la corretta igiene delle mani.
  • I pazienti con SARS dovrebbero evitare di condividere utensili per mangiare, asciugamani e biancheria da letto con altri membri della famiglia, sebbene questi articoli possano essere utilizzati da altri dopo la pulizia di routine, come il lavaggio o il lavaggio con acqua calda e sapone.
  • I comuni detergenti domestici sono sufficienti per disinfettare servizi igienici, lavandini e altre superfici toccate da pazienti affetti da SARS, ma i detergenti devono essere usati frequentemente.
  • Gli altri membri della famiglia non devono limitare le loro attività esterne a meno che non sviluppino sintomi di SARS, come febbre o malattie respiratorie.

Impostazioni sanitarie

Advertising

Cosa ha raccomandato il CDC per prevenire la trasmissione della SARS in ambito sanitario?
La trasmissione della SARS agli operatori sanitari sembra essersi verificata dopo uno stretto contatto con individui sintomatici prima dell’attuazione delle appropriate precauzioni raccomandate per il controllo delle infezioni. Il CDC ha sviluppato
raccomandazioni provvisorie per il controllo delle infezioni per la gestione delle esposizioni alla SARS in ambito sanitario e in altri contesti istituzionali.

Le strutture sanitarie dovrebbero essere vigili nel condurre una sorveglianza attiva per febbre o sintomi respiratori tra gli operatori sanitari con esposizione non protetta ai pazienti con SARS. Gli operatori sanitari che sviluppano febbre o sintomi respiratori durante i 10 giorni successivi a un’esposizione non protetta a un paziente con SARS non devono presentarsi per il servizio. Tali lavoratori dovrebbero rimanere a casa e segnalare i sintomi al punto di contatto appropriato della struttura (ad es. Controllo delle infezioni o salute sul lavoro) immediatamente. L’esclusione dal servizio deve essere continuata per 10 giorni dopo la risoluzione della febbre e dei sintomi respiratori. Durante questo periodo, i lavoratori infetti dovrebbero evitare il contatto con le persone sia nella struttura che nella comunità.

L’esclusione dal servizio non è raccomandata per un operatore sanitario esposto se non ha febbre o sintomi respiratori; tuttavia, il lavoratore deve segnalare immediatamente qualsiasi esposizione non protetta a pazienti con SARS al punto di contatto appropriato della struttura.

Quali precauzioni dovrebbero seguire le strutture sanitarie per quanto riguarda le visite a stretto contatto con pazienti affetti da SARS?
I contatti stretti (p. Es., Familiari o altri membri della famiglia) dei pazienti con SARS sono a rischio di infezione. Le strutture sanitarie dovrebbero implementare un sistema per lo screening di febbre o sintomi respiratori tra i contatti che visitano la struttura. A contatti stretti con febbre o sintomi respiratori non dovrebbe essere consentito di entrare nella struttura sanitaria come visitatori e dovrebbero essere istruiti su questa politica. Le strutture sanitarie dovrebbero istruire tutti i visitatori sull’uso delle precauzioni per il controllo delle
infezioni
quando visitano i pazienti con SARS e dovrebbero sottolineare l’importanza di seguire queste precauzioni.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Sonno: suggerimenti per un sonno profondo

Sifilide – P&S?