in ,

Allattamento al seno: consigli utili

ARCHIVIO DI CARATTERISTICHE DI SALUTE

Allattamento al seno: consigli utili

Le seguenti informazioni sono scritte per le donne che allattano o sono incinte e stanno considerando di allattare il loro bambino.

  • Come viene prodotto il latte materno: anatomia del seno
  • Il ruolo degli ormoni
  • Suggerimenti per farlo funzionare
  • Ottenere abbastanza latte

Come viene prodotto il latte materno: anatomia del seno

Sapere come è fatto il seno e come funziona per produrre il latte è utile per comprendere il processo di allattamento al seno. Il seno inizia effettivamente a svilupparsi nelle prime settimane di gestazione, prima della nascita. Ma la ghiandola mammaria, la ghiandola che produce il latte, non diventa completamente funzionale fino all’inizio della lattazione. Quando il seno di una donna si gonfia durante la gravidanza , questo è un segno che la ghiandola mammaria si sta preparando a lavorare. Il seno stesso è una ghiandola composta da diverse parti, tra cui tessuto ghiandolare, tessuto connettivo, sangue, linfa, nervi e tessuto adiposo. Il tessuto adiposo è ciò che influenza maggiormente le dimensioni del seno di una donna. Le dimensioni del seno non hanno effetto sulla quantità di latte o sulla qualità del latte prodotto da una donna.

Advertising

Schema di un seno

Anatomia del seno

Il latte viene secreto dalle cellule alveolari. Quando le cellule alveolari sono stimolate da un ormone, si contraggono e spingono il latte nei dotti e giù nei dotti mammari più grandi. Questi dotti mammari si trovano sotto il capezzolo e l’areola e si allargano per raccogliere il latte. Questi dotti allargati sono chiamati latte o seni lattici. Quando le gengive del bambino premono sull’areola e sul capezzolo, sono i seni lattiferi che vengono compressi, spremendo il latte nella bocca del bambino. Il tessuto del capezzolo sporge e diventa più solido con la stimolazione, il che lo rende più flessibile e più facile da afferrare per il bambino in bocca. Nel diagramma, puoi vedere che ciascuna ghiandola mammaria forma un lobo nel seno. Ogni lobo è costituito da un singolo ramo di alveoli, dotti lattiferi e un seno lattiginoso che si restringe in un’apertura nel capezzolo. Ogni seno ha circa 15-25 lobi.

Il ruolo degli ormoni
Gli ormoni svolgono un ruolo chiave nell’allattamento al seno. L’aumento degli estrogeni durante la gravidanza stimola la crescita dei dotti. Dopo il parto, i livelli di estrogeni diminuiscono e rimangono bassi nei primi mesi di allattamento. L’aumento del progesterone durante la gravidanza provoca anche la crescita degli alveoli e dei lobi. La prolattina, chiamata anche “ormone materno”, è un altro ormone che aumenta durante la gravidanza e contribuisce alla crescita del tessuto mammario. I livelli di prolattina aumentano anche durante le poppate quando il capezzolo viene stimolato. Poiché la prolattina viene rilasciata dal cervello nel flusso sanguigno della madre durante l’allattamento, le cellule alveolari rispondono producendo latte. L’ossitocina è l’altro ormone che svolge un ruolo vitale perché è necessario che si verifichi il riflesso di rilascio del latte o del latte. Stimola le cellule alveolari a contrarsi in modo che il latte possa essere spinto verso il basso nei dotti. L’ossitocina contrae anche il muscolo dell’utero durante e dopo il parto, il che aiuta l’utero a tornare alla sua dimensione originale e riduce l’eventuale sanguinamento che una donna può avere dopo il parto. Il rilascio sia di prolattina che di ossitocina può essere responsabile in parte dell’intensa sensazione di una madre di dover stare con il suo bambino.
Suggerimenti per
farlo funzionare L’ allattamento al seno può essere un’esperienza meravigliosa per il bambino e la mamma. È importante non sentirsi frustrati se si hanno problemi. Ciò che funziona per una madre e un bambino potrebbe non funzionare per un altro, quindi concentrati solo sulla ricerca di una routine e di posizioni comode per te e il tuo bambino. Ecco alcuni suggerimenti per farlo funzionare:


  1. Inizia presto.
    Dovresti iniziare ad allattare il più presto possibile dopo il parto (entro un’ora o due se è possibile), quando il bambino è sveglio e l’istinto di suzione è forte. Anche se il tuo latte non entrerà per alcuni giorni, il tuo seno contiene uno speciale fluido denso e giallastro chiamato colostro, che aiuta a proteggere il tuo bambino dalle malattie. Non scartarlo.

  2. Usa il posizionamento corretto per la bocca del bambino e quando tieni il bambino.
    La bocca del bambino dovrebbe essere spalancata. Puoi solleticare le labbra del tuo bambino con il capezzolo per farlo spalancare. Posiziona il capezzolo nella bocca del bambino il più indietro possibile e avvicina il suo corpo a te in modo che la sua pancia sia di fronte e tocchi la tua pancia. Assicurati che le labbra e le gengive del bambino siano intorno all’areola (l’area di colore più scuro che circonda il capezzolo). Il bambino non dovrebbe mai essere attaccato solo al capezzolo. Questo riduce il dolore per te. Se il tuo bambino è attaccato correttamente, le sue labbra saranno fuori, non tirate sulle gengive. Potresti vedere la mascella del tuo bambino muoversi avanti e indietro e sentire i rumori di deglutizione a bassa tonalità. Il naso del tuo bambino toccherà il tuo seno, ma riceve abbastanza aria. RICORDA: SE FA MALE, È SBAGLIATO. Togli il bambino dal capezzolo e riprova. Rompi la suzione del tuo bambino al seno posizionando delicatamente il dito nell’angolo della sua bocca.


COME PORTARE IL BAMBINO AL SENO: Immagine di come portare il bambino al seno: solleticare le labbra del bambino per aprirsi
1. Fai il solletico alle labbra del bambino per aprirlo. Immagine di come portare il bambino al seno: quando è completamente aperto, portare il bambino al seno in modo che la bocca sia intorno sia al capezzolo che all'areola e la pancia del bambino sia rivolta verso la pancia.
2. Quando è completamente aperto, avvicinare il bambino al seno in modo che la bocca sia attorno al capezzolo e all’areola e la pancia del bambino sia rivolta verso la pancia. Immagine di come portare il bambino al seno: quando il bambino è attaccato bene, il suo naso e il suo mento toccano il tuo seno.
3. Quando il bambino è attaccato bene, il suo naso e il mento toccano il tuo seno.

POSIZIONE CORRETTA DELLA BOCCA DEL BAMBINO INTORNO AL NIPPLO:

Immagine della posizione corretta della bocca del bambino attorno al capezzolo Immagine della posizione corretta della bocca del bambino attorno al capezzolo.  Nota che le labbra del bambino sono intorno al capezzolo E l'areola, e il naso e il mento stanno toccando il seno.  Le labbra del bambino sono scoperte o "flangiate", non rimboccate.
Nota che le labbra del bambino sono intorno al capezzolo E l’areola, e il naso e il mento stanno toccando il seno. Le labbra del bambino sono scoperte o “flangiate”, non rimboccate.

Posizioni per l’allattamento al seno

Qui ci sono diverse posizioni in cui puoi tenere il tuo bambino durante l’allattamento. Puoi provarli tutti e scegliere quello (i) in cui tu e il tuo bambino vi sentite più a vostro agio. Indipendentemente da quale scegliete, assicuratevi che la pancia del vostro bambino sia rivolta verso la vostra pancia. Questo lo aiuta ad “attaccarsi” correttamente al capezzolo. Prova a usare cuscini sotto le braccia, i gomiti, il collo o la schiena o sotto il bambino per supporto.

1. Culla (posizione facile e comunemente usata.) Culla (posizione facile e comunemente usata.)
2. Cross Cradle, Modified Clutch o Transitional (Fornisce al bambino un supporto extra per la testa, può aiutarlo a rimanere sul seno. Ottimo per neonati prematuri o bambini con una suzione debole o che hanno problemi ad attaccarsi.) Cross Cradle, Modified Clutch o Transitional (dà al bambino un supporto extra per la testa, può aiutarlo a rimanere sul seno. Ottimo per neonati prematuri o bambini con una suzione debole o che hanno problemi ad attaccarsi.)
3. Clutch o “Football” (consente alla madre di vedere e controllare meglio la testa del bambino. Ideale per le madri con seni grandi o capezzoli invertiti che affondano invece di sporgere o distesi) Clutch o "Football" (consente alla madre di vedere e controllare meglio la testa del bambino. Ottimo per le madri con seni grandi o capezzoli invertiti che affondano invece di sporgere o distesi)
4. Sdraiato lateralmente (consente alla madre di riposare o dormire mentre il bambino allatta. Ottimo per le madri che hanno subito un taglio cesareo . Non esercita alcuna pressione sull’incisione). Sdraiato sul fianco (consente alla madre di riposare o dormire mentre il bambino allatta. Ottimo per le madri che hanno avuto un taglio cesareo. Non esercita alcuna pressione sull'incisione.)
5. Slide-Over (Può aiutare a incoraggiare un bambino che rifiuta un seno di allattare quello meno preferito.) Slide-Over (Può aiutare a incoraggiare un bambino che rifiuta un seno di allattare quello meno preferito.)


  1. Infermiera su richiesta.
    I neonati devono allattare spesso. Allattare al seno almeno ogni 2 ore e quando mostrano segni di fame, come essere più vigili o attivi, mettere in bocca (mettere mani o pugni alla bocca e fare movimento di suzione con la bocca) o fare il tifo (girare la testa in cerca di capezzolo). Il pianto è un segno tardivo di fame. Infermiera per circa 10-15 minuti su ciascun seno. I bambini allattati al seno possono mangiare più spesso dei bambini allattati artificialmente. Questo perché il latte materno è più digeribile del latte artificiale.

  1. Dai da mangiare al tuo bambino solo latte materno.
    I bambini che allattano non hanno bisogno di acqua, acqua zuccherata o latte artificiale. Allattare esclusivamente al seno per circa i primi sei mesi. Dare altri liquidi riduce l’assunzione di vitamine del bambino dal latte materno.

  1. Ritardare i capezzoli artificiali
    (tettarelle e ciucci). Un neonato ha bisogno di tempo per imparare ad allattare. È meglio aspettare che il neonato sviluppi una buona suzione prima di dargli un ciuccio. I capezzoli artificiali richiedono un’azione di suzione diversa da quelli reali. Anche succhiare un biberon può confondere alcuni bambini quando stanno imparando per la prima volta ad allattare. Se, dopo la nascita, il tuo bambino ha bisogno di essere portato via da te per un lungo periodo di tempo e deve ricevere il latte artificiale, chiedi all’infermiera di usare una siringa o una tazza quando lo allatta per evitare confusione con i capezzoli
    .

  2. Allatta il tuo bambino malato durante e dopo la malattia.

    Spesso i bambini malati si rifiuteranno di mangiare ma continueranno ad allattare. Il latte materno darà al tuo bambino i nutrienti necessari e previene la disidratazione .

  3. Asciugare i capezzoli all’aria.
    Subito dopo la nascita, finché i capezzoli non si induriscono, asciugali all’aria dopo ogni allattamento per evitare che si spezzino. Le crepe possono causare infezioni. Se i tuoi capezzoli si screpolano, rivestili con latte materno o altri idratanti naturali (come l’olio di vitamina E e la lanolina) per aiutarli a guarire. Non è necessario usare il sapone sui capezzoli e potrebbe rimuovere gli oli naturali utili secreti dalle ghiandole montgomery, che si trovano nell’areola. Il sapone può causare secchezza e screpolature e rendere il capezzolo più incline al dolore.

  4. Controlla l’infezione.
    I segni di infezione al seno includono febbre , irritazione e noduli dolorosi e arrossamento al seno. È necessario consultare immediatamente un medico se si dispone di uno qualsiasi di questi sintomi.

  5. Aspettatevi l’ingorgo.
    Una neomamma produce molto latte, rendendo il suo seno grande, duro e doloroso per alcuni giorni. Questo si chiama ingorgo. Quando ciò accade, dovrebbe nutrire il bambino spesso. Il suo corpo, nel tempo, si adatterà e produrrà solo la quantità di latte di cui il suo bambino ha bisogno. Per alleviare l’ingorgo, puoi mettere salviette calde e bagnate sul seno e fare bagni caldi per alleviare il dolore. Se l’ingorgo è grave, può essere utile posizionare impacchi di ghiaccio sul seno tra un allattamento e l’altro. Parla con un medico se hai problemi con l’ingorgo mammario.

  6. Mangia bene e riposati a sufficienza.
    Una madre che allatta ha bisogno di una dieta sana che includa 500 calorie extra al giorno (circa 2700 calorie totali) e da 6 a 8 bicchieri di liquidi. Questo la aiuterà a produrre molto buon latte per il suo bambino. Ha anche bisogno di riposare il più possibile. Questo aiuterà a prevenire le infezioni al seno, che sono peggiorate dalla stanchezza . Le donne che seguono diete vegetariane rigorose potrebbero aver bisogno di aumentare l’assunzione di vitamina B12 e dovrebbero parlare con il proprio medico. I neonati allattati al seno da donne che seguono questo tipo di dieta possono mostrare segni di non assumere abbastanza vitamina B12.

Ottenere abbastanza latte
La maggior parte delle neomamme è preoccupata che i loro bambini ricevano abbastanza latte. I bambini hannoabitudinialimentari e pannolini diverse. Ma i segni comuni che i bambini stanno ricevendo abbastanza latte sono:

  • Almeno 6 pannolini bagnati al giorno (ogni 24 ore), a seconda dell’età del bambino.
  • Da due a cinque movimenti intestinali (sciolti e giallastri) al giorno (ogni 24 ore) durante le prime sei settimane. I bambini più grandi possono avere meno movimenti intestinali.
  • Aumento di peso
    costante , dopo la prima settimana di età. Dalla nascita a tre mesi, l’aumento di peso tipico è di 4-8 once a settimana.
  • Urina giallo pallido, non giallo intenso o arancione.
  • Dorme bene, ma il bambino è sveglio e sembra in buona salute quando è sveglio.

Ricorda che più spesso ed efficacemente un bambino allatta, più latte ci sarà. I seni producono e forniscono latte direttamente in risposta al bisogno o alla domanda del bambino.

Per ulteriori informazioni, leggi l’
articolo sull’allattamento al seno .

Parti delle informazioni di cui sopra sono state fornite per gentile concessione del National National Women’s Health Center (www.4women.gov).

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Salute degli anziani: modi per rimanere in buona salute in pensione

Allattamento al seno: stile di vita e latte materno