in

Allattare al seno fa bene

La salute infantile passa per una corretta alimentazione. E l’allattamento è la prima forma di nutrizione. Proprio per questo il mese di ottobre è celebra il latte materno. Sono due le iniziative principali: il Mese della nutrizione infantile 2009, un’iniziativa che promuove l’informazione sulla corretta alimentazione dei bambini da 0 a 3 anni, attraverso incontri ed eventi rivolti ai genitori, e la Settimana mondiale dell’allattamento al seno (1-7 ottobre), per informare madri, sostenitori dell’allattamento al seno, comunità, operatori sanitari, governi, enti assistenziali, donatori e media, su come possono sostenere attivamente l’allattamento al seno prima e durante le emergenze.

Un modo insomma per sensibilizzare le persone sulla salute dei bambini, sia quelli che vivono in situazione più critiche sia in condizioni più agiate.

Advertising

IL MESE DELLA NUTRIZIONE: L’IMPORTANZA DELL’ALLATTAMENTO
Almeno per i primi sei mesi di vita, il latte materno è sufficiente ad alimentare correttamente un bambino, mentre è sconsigliabile l’introduzione precoce del latte vaccino. A parlarne sono gli esperti che si sono riuniti a convegno in occasione del mese della nutrizione infantile 2009, iniziativa che per tutto ottobre promuoverà l’informazione sulla corretta alimentazione dei piccoli da 0 a 3 anni.

“La nutrizione nei primi tre anni di vita – spiega Giuseppe Mele, presidente della federazione italiana medici pediatri – ha un impatto cruciale sulla salute nelle età successive e, in particolare, sul rischio di malattie cardiovascolari, obesità e sullo sviluppo della funzione cognitiva”. L’allattamento naturale inoltre permette di stabilire un buon rapporto madre-figlio. Non solo placa il bisogno di cibo nel modo più spontaneo, ma costituisce per un bambino la più gratificante delle esperienze a livello sensoriale, emotivo ed affettivo. “La poppata – aggiunge la professoressa Alessandra Graziottin, direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica dell’H. San Raffaele Resnati di Milano – è un’esperienza piacevolissima e fondamentale per l’equilibrata crescita del bambino”.

QUANDO SMETTERE
Se una donna ha la fortuna di avere il latte, è giusto che offra al neonato l’opportunità di essere allattato al seno fino a quando si ha il latte: quindi almeno per un anno, anche se molte donne possono arrivare a due. A partire dai sei mesi di vita poi è importante iniziare lo svezzamento.

L’Organizzazione mondiale della sanità definisce l’allattamento al seno importante fino a sei mesi e consiglia di proseguirlo fino all’anno di vita, dal settimo mese si introduce il divezzamento. Il latte materno ha tre tipi di vantaggi: dal punto di vista nutrizionale contiene nutrienti quantitativamente e qualitativamente ottimali per soddisfare il bambino, lo protegge da virus e batteri, dalle allergie e da alcune malattie e, dal punto di vista psicologico, approfondisce e rafforza il rapporto madre-neonato.

LA SETTIMANA DELL’ALLATTAMENTO
L’allattamento al seno è un intervento salvavita anche in situazioni di emergenza. “Le situazioni di emergenza – scrivono organizzatori della settimana mondiale dell’allattamento al seno – si possono verificare in qualunque parte del mondo. Distruggono ciò che è normale e lasciano chi si occupa di bambini allo sbaraglio e i piccoli più vulnerabili alle malattie e alla morte. Durante le emergenze le mamme hanno bisogno di un sostegno attivo per continuare ad allattare al seno o per ripristinare l’allattamento interrotto. Essere preparati alle emergenze è vitale”. In occasione della settimana mondiale dell’allattamento al bambino nelle città italiane verranno organizzate alcune iniziative, per informazioni chiamare alla propria Asl.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Dr.ssa Simona Toto – Psicologa

Obesità infantile: video shock per spingere i genitori all’educazione alimentare