Cosa mangiare dopo l'appendicite
in

Cosa mangiare dopo l’appendicite?

L’appendicite è l’infiammazione di una porzione dell’intestino crasso chiamata appendice, e il suo trattamento si basa principalmente sulla sua rimozione chirurgica, che, essendo addominale, deve mantenere una certa cura nutrizionale durante i primi giorni del periodo postoperatorio. possibili complicazioni.

La dieta dopo l’appendicite dovrebbe essere leggera, iniziando nelle prime 24-48 ore dall’intervento una dieta liquida chiara (brodo di pollo, gelatina liquida, tè e succhi diluiti), al fine di testare la tolleranza dell’individuo al cibo e facilitare il funzionamento dell’intestino, evitando dolori e fastidi e riducendo la degenza in ospedale.

Alimentazione durante il post-operatorio

Una volta che l’individuo tollera la dieta liquida nelle prime 24 o 48 ore dopo l’intervento, è possibile far progredire la dieta ad una consistenza semisolida o morbida e di facile assorbimento, dovendola mantenerla per i 7 giorni successivi all’intervento. I pasti devono essere preparati sulla griglia, bolliti o al vapore, potendo mangiare:

Advertising
  • Verdure ben cotte e frullate, potendo consumare carote, zucchine, chayota, melanzane e zucca;
  • Pera, mela o pesca senza guscio, senza semi e preferibilmente cotta;
  • Pesce e petto di tacchino o pollo senza pelle, formaggi bianchi magri; 
  • Biscotti di pane bianco e cracker alla crema;
  • Atollo di avena o amido di mais preparato in acqua;
  • Brodo di pollo, crema di zucca o carota naturale;
  • Gelatine e composte di frutta;
  • Riso, pastina, patate o patate dolci cotte senza pelle. 

Oltre a questo, è importante ingerire tra 1,5 e 2 litri di acqua al giorno per prevenire la stitichezza e per ridurre la pressione addominale che viene esercitata durante l’evacuazione. Per insaporire i cibi è possibile utilizzare erbe aromatiche come origano, coriandolo e prezzemolo, ad esempio. Vedi altre cure che dovresti avere nel periodo postoperatorio dell’appendicectomia . 

Cosa non mangiare dopo l’intervento chirurgico 

Nell’immediato periodo postoperatorio vanno evitati cibi ricchi di grassi come snack, salumi, fritture, burro, salse e cibi industrializzati ricchi di zuccheri, perché questi alimenti sono pro-infiammatori, rendendo difficile il processo di guarigione, nonché digestione. 

Allo stesso modo, vanno evitati cibi che possono irritare la mucosa intestinale, come bevande piccanti, pepe e caffeina, nonché cibi ricchi di fibre, poiché il loro assorbimento a livello intestinale è più lento e favorisce un aumento delle dimensioni delle feci, evitando frutta e verdura crude e sgusciate, cibi integrali e noci.

Dovrebbero essere evitati anche gli alimenti che favoriscono la produzione di gas intestinali come fagioli, cavoli, broccoli, asparagi, cavoli, tra gli altri, perché possono causare disagio e dolore. Scopri i principali alimenti che causano gas . 

Per quanto tempo dovresti mantenere questa dieta

Questa dieta va mantenuta per circa 7 giorni, quindi se l’individuo durante questi giorni non ha avuto alcuna intolleranza o complicanza, potrebbe tornare ad una dieta equilibrata e sana di consistenza normale, dovendo incorporare progressivamente il cibo.

Esempio di menu di dieta per appendicite

Nella tabella sottostante indichiamo un esempio di menù di 3 giorni di dieta semisolida per il postoperatorio di un’appendicectomia:

Pasti principaliGiorno 1 Giorno 2 3 ° giorno
Prima colazione1 tazza di camomilla s / az + 1 tazza di Atol de avena s / az + 1 pera media senza pelle e cottaPane bianco con 1 fetta di formaggio bianco + 1 bicchiere di succo di mela s / az1 tazza di tè al tiglio s / az + 1 impacco medio con formaggio bianco + 1 mela piccola senza pelle e cotto 
Spuntino mattutino1 tazza di camomilla s / az con 3 biscotti alla crema1 bicchiere di succo di pesca 1 tazza di gelatina 
Pranzo cenaBrodo di pollo con patate e carote90 grammi di petto di tacchino a listarelle con purè di patate, accompagnato da insalata di carote e zucchine cotte.90 grammi di salmone o di nasello tritato con purea di zucca, accompagnati da insalata di melanzane cotte con carote
Spuntino pomeridiano1 mela media sbucciata e cotta1 tazza di tè al tiglio s / az con 3 biscotti alla crema1 pera sbucciata media cotta 

Le quantità inserite nel menù variano da persona a persona, quindi l’ideale è recarsi da un nutrizionista per effettuare una valutazione nutrizionale completa e calcolare il piano alimentare in base alle esigenze del singolo. Oltre a questo, è importante rispettare le raccomandazioni da esso suggerite, per evitare complicazioni dell’intervento.  

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Dieta ovo-latto-vegetariana: cos’è e quali sono i suoi benefici

Arracacha (creolo sedano): cos’è, vantaggi e come usarlo