Liquidi Sigaretta Elettronica
in

Liquidi Sigaretta Elettronica

In questo articolo parleremo dei liquidi per sigaretta elettronica valutandone oggettivamente la qualità e la sicurezza per la salute.

Come sappiamo lo svapo si è diffuso molto rapidamente in Italia. Utilizzato come metodo per la cessazione della dipendenza dal fumo, con il termine svapare si intende l’utilizzo della sigaretta elettronica. Studi scientifici dimostrano che utilizzando dispositivi a norma e liquidi per sigaretta elettronica certificati lo svapo risulta essere il 95% meno dannoso rispetto al fumo tradizionale.

Cerchiamo quindi di capire meglio come funziona la sigaretta elettronica per poi arrivare direttamente alla sicurezza dei liquidi.

Advertising

La sigaretta elettronica è composta da una batteria che fornisce l’energia necessaria all’atomizzatore per riscaldare e vaporizzare il liquido inserito all’interno del serbatoio (detto anche “tank”) dello stesso. Pertanto è bene concentrarsi sulla qualità dei liquidi per sigaretta elettronica utilizzati. I liquidi da svapo sono infatti composti da glicole propilenico, glicerina (ovvero glicerolo vegetale) a volte acqua depurata (in base alla scelta del produttore per calibrarne la densità) e su richiesta del cliente anche nicotina in proporzione variabili ma mai superiori a 20mg (il massimo consentito per legge in base alle attuali normative europee relative i liquidi con nicotina).

Tutti i produttori e distributori di liquidi sigaretta elettronica devono infatti effettuare lunghe e complesse procedure burocratiche che garantiscono la sicurezza dei liquidi da commercializzare. Infatti, vanno preventivamente comunicati sul portale europeo dei prodotti derivati del tabacco (anche se di tabacco all’interno non c’è traccia) successivamente vanno comunicati al Ministero della Salute italiana almeno sei mesi prima della messa in vendita ed infine va inviato uno o più campioni ai laboratori dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato per ulteriori verifiche sulla sicurezza delle materie prime utilizzate e sull’assenza di sostanza pericolose per l’uomo. Non è infatti possibile vendere senza autorizzazione i liquidi per lo svapo. I controlli fortunatamente sono molti e scrupolosi, mirano a salvaguardare la salute dei consumatori oltre che le entrate erariali. Sui liquidi infatti viene applicata una imposta di consumo essendo ormai un prodotto sotto Monopolio di Stato, cosa che purtroppo ancora pochi sanno.

Tutto questo garantisce una garanzia sulle materie prime utilizzate per i liquidi, nonché la garanzia che siano completamente compatibili per l’uso sulla sigaretta elettronica. In questo modo, svapare diventa veramente un ottimo metodo per smettere di fumare.

Quindi, utilizzando dei liquidi sicuri possiamo stare tranquilli? Sì! Quale liquido è più consigliato per smettere di fumare? Ci sono talmente tanti gusti tra i liquidi per sigaretta elettronica che non è facile rispondere a questa domanda: chiaramente è bene andare su marchi famosi nel mondo dello svapo come i liquidi DEA e liquidi VaporArt quindi possiamo indicare un ottimo tabaccoso come DEA calliope o VaporArt malby, rientrano infatti tra i liquidi più utilizzati. Molti svapatori preferiscono invece liquidi dolci o fruttati come un mentolato o aroma alla torta e biscotti. Il gusto come sempre è soggettivo e per questo è consigliabile provare diversi liquidi soprattutto all’inizio. Per quanto riguarda la presenza di nicotina, anche questa va calibrata con cura, troppo poca potrebbe non aiutare a smettere di fumare, di contro, troppa nicotina potrebbe “dare fastidio” alla gola, irritandola.

E quindi quanta nicotina è bene utilizzare? Un fumatore medio abituato ad 1 pacchetto di sigarette

al giorno, dovrebbe usare una gradazione di nicotina 9 massimo 14. Così come un fumatore di 2 pacchetti al giorno dovrebbe usare la gradazione 14 massimo 18. Chi invece fuma (o fumava) poche sigarette occasionalmente, la gradazione di nicotina 4 potrebbe essere la scelta più azzeccata. Ricordati: l’obiettivo è diminuire gradualmente la nicotina fino a svapare nicotina 0 (ovvero liquidi senza nicotina) per poi smettere del tutto la tua dipendenza da fumo e nicotina. Smettere si può: parlane con il tuo medico curante. Non sono poche le persone che hanno smesso di fumare grazie all’utilizzo di liquidi sicuri per sigaretta elettronica. In Italia si contano infatti circa 2 milioni di svapatori e sembra siano in continuo aumento.

E tu? Fai parte dei fumatori o degli svapatori? Fai una scelta consapevole per la tua salute e cerca di smettere di fumare nella maniera migliore. E’ apertamente dichiarato che la sigaretta elettronica è uno strumento di riduzione del danno da fumo, è bene quindi sfruttare anche questo metodo per cessare la dipendenza dal fumo combusto del tabacco.

Il miglior consiglio è quindi di rivolgersi sempre a Rivenditori Autorizzati di liquidi (come il noto negozio online CentroSvapo.it che spedisce in tutta Italia, gratis con corriere espresso) per scegliere i propri liquidi sicuri per sigarette elettroniche, scegliere tra centinaia di gusti rende più facile avvicinarsi alla sigaretta elettronica e darsi una possibilità per smettere di fumare. Sappiamo bene quanto sia dannoso il fumo per l’uomo ed ecco perché ormai anche grandi medici e scienziati indipendenti (come il dottor Polosa) appoggiano favorevolmente l’uso della sigaretta elettronica. Ma attenzione: lo svapo non è una moda, ma un valido ed approvato metodo per smettere di fumare riservato solamente a fumatori oppure ex fumatori e soprattutto maggiorenni.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Riconoscere e prevenire la cistite è possibile