in

Come seguire una dieta a basso contenuto di iodio

La dieta a basso contenuto di iodio è solitamente indicata principalmente 2 settimane prima di sottoporsi al trattamento con iodio radioattivo per il cancro alla tiroide. Tuttavia, questa dieta può essere utilizzata anche nelle persone che soffrono di ipertiroidismo, poiché evitare il consumo di cibi ricchi di iodio aiuterà a ridurre la produzione di ormoni tiroidei.

Nel caso del cancro della tiroide, alcuni studi indicano che la restrizione dietetica dello iodio è necessaria affinché le cellule tumorali, che potrebbero essere rimaste nel corpo dopo l’intervento chirurgico, assorbano abbastanza iodio radioattivo o 131 durante la terapia con iodio, distruggendo così queste cellule e completando il trattamento di la malattia. Vedi di più sullo iodio radioattivo .

Alcuni degli alimenti che dovrebbero essere evitati perché ricchi di iodio sono il pesce di mare, i crostacei e il tuorlo d’uovo, ad esempio.

Advertising

Alimenti da evitare

Gli alimenti da evitare in questa dieta sono quelli che contengono più di 20 microgrammi di iodio per porzione, questi sono:

  • Sale iodato, è necessario vedere l’etichetta per confermare che non contiene iodio aggiunto;
  • Snack industrializzati;
  • Pesce di mare come sgombro, salmone, nasello, merluzzo, sardine, aringhe, trote, tonno;
  • Alghe come monori, kelp, wakame, anche le alghe che accompagnano il sushi;
  • Integratori naturali come il chitosano , ad esempio, preparato con i crostacei; 
  • Frutti di mare come gamberi, aragoste, crostacei, ostriche, calamari, polpi e granchi;
  • Additivi alimentari  del mare, come carragenine, agar-agar, alginato di sodio;
  • Carni lavorate come prosciutto, tacchino, mortadella, salsiccia, pancetta;
  • Carni di organi come fegato e reni;
  • Soia e suoi derivati, come tofu, latte, salse e olio;
  • Tuorlo d’uovo , salse a base di uova , condimenti per insalata, maionese;
  • Grassi idrogenati e prodotti industrializzati, come biscotti e torte pronte;
  • Salse e condimenti,  come ketchup, senape, salsa Worcestershire;
  • Latte e derivati , come yogurt, ricotta, formaggi in genere, burro, panna, proteine ​​del siero di latte, caseina e alimenti che contengono latticini;
  • Dolci contenenti latte o tuorlo d’uovo, cioccolato al latte;
  • Farine : pane, prodotti da forno in genere contenenti sale o uova, biscotti e biscotti contenenti sale o uova, biscotti farciti e cereali mattutini;
  • Frutta in scatola o sciropposa e succhi in polvere o industrializzati;
  • Verdure : crescione, sedano o sedano spagnolo, cavoletti di Bruxelles, cavoli e in scatola, come olive, cuori di palma, sottaceti, mais e piselli;
  • Bevande : tè mate, tè verde, tè nero, birra, caffè istantaneo o solubile e bibite a base di cola;
  • Coloranti : evitare cibi industrializzati. Alcune pillole e capsule hanno una colorazione rossa, arancione o marrone, consultare il medico per vedere se è necessario interromperne l’uso. 

Oltre a questo, è importante evitare di andare al ristorante o di mangiare fast food, poiché è difficile sapere se per cucinare usano o meno sale iodato. Questi alimenti non sono vietati a vita quando si tratta di cancro alla tiroide, dovrebbero essere evitati solo durante il trattamento. In caso di ipertiroidismo, dovrebbero essere consumati raramente mentre la malattia è presente e i valori dell’ormone tiroideo sono alterati.

Alimenti a consumo moderato

Questi alimenti contengono una quantità moderata di iodio, che va da 5 a 20 microgrammi per porzione.

  • Carni fresche: fino a 170 g al giorno di carni come pollo, manzo, maiale, pecora e vitello;
  • Cereali e cereali : pane non salato, torte non salate, biscotti con acqua e farina, pasta senza uova, riso, avena, orzo, farina, mais e grano. Questi alimenti dovrebbero essere limitati a 4 porzioni al giorno, ogni porzione equivale all’incirca a 2 forchette per spaghetti o 1 pagnotta al giorno;
  • Riso : sono consentite anche 4 porzioni di riso al giorno, il riso basmati è un’opzione. Ogni porzione contiene circa 4 cucchiai di riso.

Il contenuto di iodio in questi alimenti varia a seconda dell’area di coltivazione e del modo in cui viene preparato per il consumo, con la cottura e la preparazione del cibo a casa che ha un vantaggio maggiore rispetto al mangiare fuori o all’acquisto di cibi preparati al supermercato.

Alimenti consentiti

Per sostituire gli alimenti proibiti durante il trattamento con iodio, dovrebbero essere preferiti i seguenti alimenti:

  • Sale non iodato ;
  • Albume d’ uovo e pesce d’acqua dolce;
  • Verdure crude o cotte, ad eccezione di quelle menzionate nell’elenco da evitare;
  • Legumi : fagioli, piselli, lenticchie, ceci;
  • Grassi : mais o olio di mais, olio di canola, olio di girasole, olio di cocco, margarina non salata;
  • Dolci : zucchero, miele, marmellata, gelatina, gelati alla frutta senza colorante rosso;
  • Spezie: aglio, pepe, cipolla, prezzemolo, erba cipollina e spezie naturali fresche o disidratate;
  • Frutta fresca , secca o succhi naturali, escluse le ciliegie al maraschino;
  • Bevande: caffè e tè non istantanei, soda senza colore rosso n. 3, latte di cocco, latte di mandorle, latte di avena;
  • Frutta a guscio non salata, burro di arachidi o di mandorle non salato; 
  • Altri cibi: farina d’avena, patate, avocado, semi di lino o chia, popcorn non salati fatti in casa, pane fatto in casa e frittelle (senza sale iodato, burro e uova intere).

Questi alimenti sono quelli che possono essere consumati nelle due settimane precedenti il ​​trattamento di iodoterapia, oppure secondo il tempo consigliato dal medico.

Menu dietetico a basso contenuto di iodio

La tabella seguente mostra un menu di esempio per 3 giorni di questa dieta:

AlimentiGiorno 1Giorno 23 ° giorno
Prima colazione1 tazza di caffè filtro accompagnato da albumi d’uovo strapazzati con verdureAtollo di avena preparato con latte di mandorle1 tazza di caffè filtro accompagnato da budino di chia con frutta tritata
Spuntino mattutino1 mela cotta con cannella e 1 cucchiaio di semi di chiaUna manciata di noci e 1 pera Frullato di avocado a base di latte d’avena e miele
Pranzo cenaFiletto di pollo in salsa di pomodoro fatta in casa accompagnato da insalata di riso, fagioli e lattuga, pomodoro e carote condito con aceto e olio di coccoPasta di zucchine con carne macinata di manzo in salsa di pomodoro naturale preparata in casa con origano o basilico Cous cous con verdure saltate in olio di cocco accompagnato da un filetto di tacchino 
Spuntino pomeridianoPopcorn fatti in casa senza saleFrullato di papaya a base di latte di coccoPane fatto in casa (senza sale iodato, burro e uova) con burro di arachidi

Le quantità in menù variano da persona a persona, poiché bisogna tenere conto dell’età, del sesso, dell’attività fisica e di quale sia la malattia associata, quindi l’ideale è recarsi da un nutrizionista per effettuare una valutazione completa e preparare un nutrizionale piano adeguato alle tue esigenze. 

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Cosa mangiare per aiutare a regolare la tiroide

Cos’è l’Azaí, i benefici per la salute e come prepararlo