in

Diagnosi dell’artrite reumatoide

La diagnosi precoce dell’artrite reumatoide è ideale

Se l’artrite reumatoide non viene trattata, l’infiammazione dalla condizione può iniziare a svilupparsi in altre aree del corpo, causando varie e talvolta gravi complicazioni che possono colpire altri organi – come il cuore, i polmoni, gli occhi e i nervi – e potrebbe causare una significativa disabilità a lungo termine. (1)

Se si verificano sintomi di artrite reumatoide, è importante ottenere diagnosticato il più presto possibile in modo che si può ricevere un trattamento tempestivo. Per molte persone, la disabilità funzionale – problemi con la routine quotidiana, come vestirsi, mangiare e camminare, causati da danni articolari – si verifica spesso da uno a due anni prima della diagnosi effettiva. Questi problemi possono essere un segnale che si dispone di RA.

Advertising

Diagnosi iniziale dell’artrite reumatoide

Non esiste un singolo test in grado di diagnosticare definitivamente l’AR.

Come con altre malattie, la diagnosi di RA in genere inizia con il medico ottenere la vostra storia medica e condurre un esame fisico.

Il medico inizierà ponendo domande sui sintomi che stai vivendo, tra cui quando e come si verificano, e come sono cambiati nel tempo (se lo hanno fatto). Un sintomo specifico che chiederà è la rigidità articolare mattutina che dura per almeno 30 minuti – un sintomo RA comune.

La rigidità mattutina è in genere abbastanza grave da interferire con le funzioni fisiche dopo il risveglio, secondo UpToDate, un sito scritto dal medico.

L’altro sintomo principale è il gonfiore delle articolazioni che dura almeno sei settimane, in particolare se il gonfiore si verifica sulle stesse articolazioni su entrambi i lati del corpo. Gonfiore che si verifica per meno di sei settimane potrebbe essere un segno di più cose diverse; un esempio è la poliartrite virale acuta, un’infiammazione delle articolazioni causata da un virus.

Il medico chiederà anche qualsiasi altra condizione medica che avete – le persone con RA hanno spesso condizioni di co-verificarsi, come le malattie cardiovascolari – e circa quelli dei vostri familiari più familiari, troppo.

Durante l’esame fisico, il medico cerca segni di tenerezza, gonfiore, calore e dolore alle articolazioni e assegno per vedere se hai limitazioni di movimento.

Verificherà anche la presenza di noduli reumatoidi,o dossi evidenti che spesso si verificano alla base delle articolazioni artritiche, come i gomiti. (2) Questi noduli colpiscono fino al 30 per cento dei pazienti, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Autoimmunity Reviews. (3)

Seguendo queste procedure diagnostiche iniziali, il medico ordinerà esami del sangue. (1)

Test per il fattore reumatoide e altri anticorpi vengono utilizzati per diagnosticare l’artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è tipicamente definita come “sieropositiva” o “sierogativa”, riferendosi alla presenza di anticorpi specifici nel sangue. I noduli reumatici si verificano quasi esclusivamente nelle persone con RA sieropositiva. ()

In precedenza, i pazienti erano considerati sieropositivi se avevano il fattore reumatoide anticorpale, o RF. Questi anticorpi si trovano nel 70-80 per cento delle persone con RA, ma si trovano anche nel 5-10 per cento delle persone senza RA, secondo UpToDate. (2)

Cosa c’è di più, RF si trova anche in persone con numerose altre condizioni, tra cui alcune infezioni e altre condizioni infiammatorie – quindi la sua presenza non indica specificamente RA.

Oggi è disponibile un test più delicato per la sieropositività. Questo test cerca anticorpi proteici anti-citrullinati (ACPA), una raccolta di autoanticorpi, anticorpi che prendono di mira e reagiscono alle proteine di una persona, scambiandoli come estranei. Per rilevare gli ACPA, il test cerca prove della reattività del sistema immunitario degli anticorpi con composti chiamati peptidi citrullinati ciclici (CCP), che sono frammenti di proteine umane naturali sottoposte a un certo tipo di cambiamento molecolare. (5)

Circa il 60-80 per cento delle persone con RA hanno questi cosiddetti anti-CSP, e questi anticorpi possono presentarsi anni prima che i sintomi si sviluppino, secondo la Fondazione Arthritis.

Rispetto alla RF, l’antiCCP è un marcatore più specifico della malattia e alti livelli di anticorpi anti-CCP possono indicare una maggiore gravità RA. (4)

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno identificato una serie di diversi APA, rilevati attraverso i test anti-CCP. Uno studio pubblicato nel giugno 2018 sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases ha scoperto che nessun singolo ACPA è responsabile di danni articolari RA e infiammazione.

Piuttosto, avere un certo numero di diversi APA è associato con un certo numero di marcatori di distruzione articolare e infiammazione, secondo lo studio. Ciò suggerisce che i test anti-CCP possono essere in grado di aiutare i medici a determinare chi svilupperà maggiori danni articolari.

Anche se i test anticorpo RF e anti-CCP sono altamente informativi e possono aiutare con le diagnosi, non sono sufficienti per diagnosticare solo l’AR. Fino alla metà dei pazienti non ha anticorpi RF e anti-CCP quando sono stati testati inizialmente, e il 20 per cento delle persone che si trovano ad avere RA non è mai positivo agli anticorpi.

Altri test per l’artrite reumatoide seropositiva

Gli esami del sangue non vengono utilizzati solo per rilevare anticorpi RF e anti-CCP. Sono anche usati per rivelare se hai:

  • Anemia, o basso numero di globuli rossi, che si verifica in fino alla metà delle persone con RA
  • Un alto tasso di sedimentazione dell’ezzocita, noto anche come tasso di sed o ESR, una misura grezza dell’infiammazione nel tuo corpo
  • Alti livelli di proteina C-reattiva, un altro indicatore di infiammazione

Come i test anticorpi, questi test da soli non possono diagnosticare l’AR. Il tasso di ESR, ad esempio, non è specifico per l’infiammazione dell’AR e può anche essere influenzato da infezioni ed età. E la proteina C-reattiva, che non è specifica per l’AR, può essere influenzata dall’obesità e dall’infezione. (4)

A parte gli esami del sangue, una radiografia può aiutare il medico a determinare il grado di distruzione nelle articolazioni, ma può essere utile solo quando l’AR è progredito in una fase successiva.

Negli ultimi anni, le scansioni di ultrasuoni e immagini a risonanza magnetica (RMI) hanno migliorato la diagnosi di RA aiutando a rilevare l’infiammazione articolare, l’erosione e l’accumulo di liquidi.

Come viene diagnosticata l’artrite reumatoide seronegativa?

Alcuni pazienti hanno ancora RA, ma non test positivo per anti-CSP o RF – hanno RA seronegativo.

Questa forma di RA è spesso più difficile da diagnosticare, e di solito produce anche sintomi più lievi rispetto all’AR sieropositivo.

Per diagnosticare l’AR sieronegativa, il medico può condurre più test per escludere altre possibili cause dei sintomi, come l’osteoartrite – che a volte viene diagnosticata male. Anche se l’osteoartrite può produrre sintomi simili all’AR, l’osteoartrite è una malattia degenerativa delle articolazioni che si sviluppa da “usura” invece di infiammazione correlata a problemi autoimmuni. (5)

Il medico può testare il sangue per le infezioni, tra cui parvovirus umano B19, epatite B, epatite C, e malattia di Lyme. Questi problemi possono produrre sintomi simili a RA. Può anche analizzare il fluido all’interno delle articolazioni per rilevare anomalie e alti conteggi dei globuli bianchi.

Il medico può anche condurre una biopsia sinoviale, che comporta la rimozione di un piccolo pezzo del tessuto che rivesti una delle articolazioni.

Ma anche con questi test, una diagnosi corretta di RA seronegativa non è garantita. I risultati dei test del fluido articolare, ad esempio, possono invece indicare che si dispone di gotta. E il medico può diagnosticare con artrite psoriasica se in seguito si sviluppa un’eruzione cutanea.

Altre malattie che possono assomigliare ra sierogativa includono artrite psoriasica, artrite reattiva, e spondylitis ankylosing, una forma di artrite infiammatoria cronica che colpisce principalmente la colonna vertebrale.

Artrite reumatoide preclinica

Alcune persone sono altamente a rischio di RA, ma non hanno ancora la condizione – invece, possono avere RA preclinico.

Le persone con RA preclinica hanno i biomarcatori (RA o anti-CCP) di RA, ma non hanno l’infiammazione articolare caratteristica associata alla malattia. La ricerca suggerisce che i test possono rilevare questi biomarcatori e autoanticorpi da tre a cinque anni prima che sorgono i sistemi congiunti RA.

Ma questo non significa che le persone con RA preclinico siano libere da problemi di salute. Possono avere lievi dolori e dolori, gonfiore articolare su un singolo lato del corpo, o qualche affaticamento o malessere anonimo, così come un rischio maggiore di infarto o insufficienza cardiaca. (9)

Per quelli con RA preclinico, farmaci anti-reumatici che modificano le malattie, che vengono utilizzati per trattare l’AR, possono ridurre significativamente il rischio di RA, secondo una meta-analisi pubblicata nell’agosto 2018 negli Annali delle Malattie Reumatiche.

Diagnosi dell’artrite reumatoide con luce infrarossa

Nel prossimo futuro, i medici potrebbero essere in grado di diagnosticare l’AR con una procedura non invasiva utilizzando la luce infrarossa.

In uno studio pilota pubblicato il 20 giugno 2019, sul Journal of Biomedical Optics, i ricercatori hanno scoperto che la tecnica, che comporta l’inserimento della mano di una persona in uno scanner a infrarossi, può rilevare con precisione i marcatori di infiammazione dell’AR, come livelli abbassati di ossigeno nel sangue e livelli aumentati di contenuto sanguigno.

Ma gli esperti sostengono che la tecnica non è pronta per l’uso clinico, in quanto non può fare una diagnosi definitiva di RA e non può distinguere tra diversi tipi di RA. (11)

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Cos’è la cisti pilonidale? Sintomi, cause, diagnosi, trattamento e prevenzione

Come scegliere un reumatologo