in

I fatti su un’infezione fungina carnivora, mucormicosi

C’è stata una raffica di copertura mediatica in merito a uno studio pubblicato su The Pediatric Infectious Disease Journal che   evidenzia lo scoppio di una mucormicosi infezione fungina altamente invasiva (nota anche come “mangia carne”) e pericolosa per la vita.

Come riportato dal New York Times, la mucormicosi ha causato il caos in un ospedale pediatrico di New Orleans, dove è stata responsabile della morte di diversi bambini. Lì, è stato diffuso tramite lenzuola che non sono state adeguatamente sterilizzate e conservate.

Advertising

Ma prima di decidere di non entrare mai più in un ospedale, ecco alcuni fatti riguardanti la mucormicosi:

Mentre la maggior parte delle infezioni da mucormicosi sono pericolose per la vita, sono piuttosto rare negli individui sani. Queste terribili infezioni sono solitamente osservate in persone che hanno un diabete infiammato non controllato (chetoacidosi diabetica) o in quelle con un sistema immunitario gravemente compromesso (come i pazienti affetti da leucemia che ricevono farmaci immunosoppressori).

Questo è il motivo per cui il modo migliore per trattare queste infezioni, che possono colpire la pelle, il sistema gastrointestinale e il sistema nervoso centrale, è trattare la condizione sottostante, oltre a fornire una terapia antifungina e possibilmente chirurgica.

La chetoacidosi diabetica richiede insulina, correzione dell’acidosi con bicarbonato di sodio e reidratazione. Se possibile, il basso numero di globuli bianchi associato alla leucemia deve essere invertito con l’uso di fattori stimolanti le colonie e la sospensione della chemioterapia citotossica. Se possibile, i pazienti affetti da leucemia dovrebbero essere svezzati dai farmaci immunosoppressori.

Altri fattori di rischio per la mucormicosi includono la malnutrizione estrema, i traumi e l’uso di forniture mediche contaminate (nel caso di New Orleans, biancheria che è stata colonizzata dal fungo).

I disastri naturali (dopo uragani, tsunami o tornado) possono essere associati a focolai di mucormicosi  perché la principale via di infezione è l’inalazione di spore fungine aerosolizzate. Anche le infezioni delle ferite aperte sono un fattore di rischio.

La sopravvivenza alla mucormicosi richiede una diagnosi rapida e una terapia medica e chirurgica coordinata e aggressiva. Quelli con mucormicosi DEVONO essere trattati in un ospedale con unità di sottospecialità esperte nella cura della condizione e delle cause sottostanti. NON MANCARE IN GIRO CON QUESTA INFEZIONE.

L’incidenza della mucormicosi è in aumento. Se e quando si verifica questa infezione, è necessario tentare di identificare una fonte o una via di trasmissione per la quale è possibile attuare misure di controllo. Come nel caso dell’ospedale di New Orleans, la biancheria dovrebbe essere considerata come un potenziale veicolo per la trasmissione del fungo.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

I corpi, non i volti, possono trasmettere emozioni intense

Suggerimenti per i genitori di bambini con eczema