in

Le emozioni influenzano il mondo del web

 

Advertising

Ognuno di noi, quando si relaziona con un’altra persona,  esprime le sue emozioni,   ed in modo inconsapevole, condiziona e contagia  il comportamento dell’altro. Tale fenomeno si chiama Contagio Emotivo. Si crea un clima di  sintonia e condivisione tra le persone, che provano la stessa emozione e assumono lo stesso comportamento. Basta pensare alla risata o al pianto contagioso, dove tutto parte da una persona che inizia a ridere o a piangere, suscitando in modo spontaneo la stessa reazione negli altri.

Da una recente ricerca del marzo 2014 si è visto  che il contagio emotivo avviene anche sui Social Network.  I ricercatori della Cornell University e del Core Data Science Team di Facebook, hanno effettuato, esperimenti psicologici su quasi 700 mila suoi iscritti, alterando i loro contenuti postati su Facebook,  per vedere quanto le emozioni contagino e condizionino il comportamento degli utenti sui social. Secondo i risultati della ricerca pubblicati sulla rivista Proceedings della National Academy of Sciences degli Stati Uniti, la risposta degli utenti, ai post alterati, dipendeva dalle emozioni vissute in quel momento: post positivi da parte degli utenti, in risposta a contenuti (immagini, video, frasi scritte) che suscitavano emozioni positive, post negativi, in risposta a contenuti che suscitavano emozioni negative. Le emozioni negative generalmente sono la rabbia, la paura, la vergogna e l’ansia, mentre le positive, sono la gioia, la speranza, la felicità.

Quindi, il Contagio Emotivo avviene, anche a distanza, senza che ci sia un contatto visivo o fisico con l’altro, attraverso il linguaggio simbolico (immagini e video) e scritto.

Il mondo del Web che si avvicina sempre di più a quello reale, in quanto  fatto di persone che si relazionano, esprimendo se stessi ed il loro mondo interiore!

Dr. ssa Annalisa Allocca Psicologa Clinica e di Comunità

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Morbo di Parkinson: esami del sangue per scoprirlo precocemente

Integratori per migliorare la memoria