in

Quando il farmaco di Crohn smette di funzionare

La malattia di Crohn può cambiare drasticamente nel tempo ed è noto che la condizione colpisce persone diverse in modi diversi. Esistono numerosi farmaci che possono aiutare le persone che hanno la malattia di Crohn, ma potresti scoprire che devi passare da un farmaco all’altro fino a quando non ne trovi uno che tenga i tuoi sintomi sotto controllo, o se un farmaco smette di funzionare per te.

Inoltre, poiché i farmaci usati per trattare la malattia di Crohn possono essere associati a determinati rischi ed effetti collaterali, trovare il farmaco giusto per te può fare alcuni tentativi.

Advertising

Iniziare con i farmaci di Crohn

Il medico consiglierà un determinato ciclo di trattamento per la malattia di Cohn in base alla gravità dei sintomi e ad altri fattori. I farmaci anti-infiammatori ei corticosteroidi sono trattamenti comuni per il Crohn che esistono da molto tempo. Esistono anche trattamenti più recenti che funzionano in modo diverso dai farmaci più vecchi. Tra questi ci sono Remicade (infliximab), Humira (adalimumab) e Cimzia (certolizumab pegol).

Questi farmaci appartengono a un gruppo chiamato farmaci anti-fattore di necrosi tumorale (anti-TNF) e possono essere utilizzati in persone con malattia di Crohn da moderata a grave che non rispondono o non possono tollerare farmaci antinfiammatori e corticosteroidi.

Remicade, Humira e Cimzia agiscono inibendo l’azione di una proteina chiamata TNF-alfa, che può intensificare l’infiammazione nelle persone con malattia di Crohn. Quando l’infiammazione nell’intestino è alleviata, il tuo corpo ha il tempo di guarire, il che può ridurre i sintomi della malattia di Crohn come febbre, diarrea, dolore addominale e altri.

Il problema con i farmaci anti-TNF è che spesso diventano meno efficaci nel tempo, richiedendo di cambiare farmaco per continuare a tenere sotto controllo i sintomi.

Quando potrebbe essere il momento di cambiare terapia

Se sintomi come dolore addominale, diarrea, sanguinamento e febbre non migliorano entro poche settimane dall’inizio di un nuovo farmaco, potrebbe non funzionare come dovrebbe. Allo stesso modo, se i sintomi peggiorano dopo aver assunto un farmaco per un po ‘, il farmaco potrebbe perdere la sua efficacia.

Quando i sintomi di Crohn smettono di rispondere bene ai farmaci antinfiammatori o ai corticosteroidi, il medico probabilmente proverà prima Remicade. Ma poiché le tue condizioni possono cambiare nel tempo, anche Remicade potrebbe smettere di funzionare. Quando non stai più beneficiando di Remicade, la prossima opzione è Humira. E nel tempo, se sia Remicade che Humira smettono di agire per alleviare i sintomi di Crohn, Cimzia, l’aggiunta più recente all’elenco degli inibitori del TNF, è un’altra possibile opzione.

Infine, quando i farmaci antinfiammatori, i corticosteroidi o i farmaci anti-TNF non possono più alleviare i sintomi, il medico potrebbe suggerirti di provare un farmaco chiamato Tysabri (natalizumab). Tysabri, che è un anticorpo (fondamentalmente, una proteina che riconosce e aiuta a combattere le infezioni) viene talvolta utilizzato nelle persone con malattia di Crohn che non hanno risposto o non possono tollerare trattamenti convenzionali o farmaci anti-TNF. (A causa del rischio di un’infezione cerebrale virale chiamata PML (leucoencefalopatia multifocale progressiva) e di altri gravi effetti collaterali, Tysabri può essere somministrato solo nell’ambito di un rigoroso programma di monitoraggio sviluppato dal produttore del farmaco, Biogen-Idec, in collaborazione con la FDA.)

La maggior parte delle persone si sente meglio quando passa da un farmaco che è diventato meno efficace a uno nuovo, ma è importante chiamare il medico se i sintomi non migliorano o se si verificano effetti collaterali preoccupanti durante l’assunzione di un nuovo farmaco per la malattia di Crohn. Alcuni dei potenziali effetti collaterali possono includere segni di infezione, come febbre o brividi; tosse grave o sintomi simil-influenzali; segni nuovi o in peggioramento di insufficienza cardiaca, come mancanza di respiro o gonfiore alle caviglie o ai piedi; lividi, sanguinamento o pallore; e intorpidimento, debolezza, formicolio o problemi alla vista.

Stai facendo tutto il possibile per gestire i tuoi Crohn? Scoprilo con il nostro controllo interattivo.

Il medico monitorerà la tua risposta ai farmaci e ti aiuterà a determinare quando potrebbe essere il momento di aggiustare la dose, passare a un farmaco diverso o provare un altro tipo di trattamento.

Poiché tutti i farmaci per la malattia di Crohn tendono a smettere di controllare i sintomi nel tempo, fino a due terzi delle persone con malattia di Crohn alla fine richiedono un intervento chirurgico per rimuovere la sezione malata del loro intestino, che aiuta ad alleviare i sintomi per un po ‘di tempo. Anche dopo l’intervento chirurgico, alcune persone potrebbero dover continuare a prendere un farmaco per tenere sotto controllo la malattia, quindi è importante trovarne uno che funzioni bene per te.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Opzioni di trattamento per la colite ulcerosa

Razzi della malattia di Crohn