in

Segni e sintomi di un sovradosaggio di vitamina D

La vitamina D è una vitamina liposolubile, cioè il corpo immagazzina quantità non necessarie, invece di rimuovere l’eccesso attraverso la minzione. Mangiare cibi con vitamina D è molto improbabile che causa la tossicità o sovradosaggio, ma assumere alte dosi di integratori per diversi mesi può causare problemi.

Ipercalcemia
Quando il corpo immagazzina troppa vitamina D, un eccesso di calcio e fosforo si verifica. Ciò causa depositi di modulo a reni, polmoni e vasi sanguigni. Calcio elevato si chiama ipercalcemia.

Advertising

I primi sintomi
Sintomi di ipercalcemia iniziale primaria includono la mancanza di appetito, nausea e vomito.

Segni addizionali
Ulteriori segni di ipercalcemia possono includere confusione, diarrea, eccessiva minzione e sete inusuale, prurito, nervosismo e debolezza. Aritmia cardiaca può verificarsi anche.

Calcoli renali
L’uso di entrambi di calcio e vitamina D da parte delle donne in post-menopausa è legato ad un aumento del 17 per cento del rischio di calcoli renali nel corso di uno studio di 7 anni citato dal National Institutes of Health (NIH).

Avvertimento
Gravi problemi renali possono svilupparsi con il sovradosaggio di vitamina D, tra cui calcificazioni, proteine nelle urine e la funzione renale insufficiente che si traduce in accumulo di rifiuti nel corpo. Alla fine, insufficienza renale si può verificare.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Distendere il mal di testa cronico? Col Botox è semplice!

Ansia