in

Come una camera da letto senza tecnologia crea un sonno più intelligente

Ricordi l’ultima volta che sei caduto sul materasso senza un telefono o un tablet in mano, o almeno a portata di mano? Se non ricordi, non sei solo….

Ti ricordi l’ultima volta che sei caduto sul materasso senza un telefono o un tablet in mano, o almeno a portata di mano?

Se non riesci a ricordare, non sei solo. Un enorme 90% di noi utilizza regolarmente i dispositivi entro un’ora prima di andare a letto. E la scienza suggerisce che queste sessioni di screening notturne non favoriscono il tuo sonno.

Advertising

Ecco perché proponiamo qualcosa di piuttosto radicale: una camera da letto senza tecnologia. Certo, potrebbe sembrare un po ‘estremo ora. Ma dopo aver imparato un po ‘di più, potresti essere aperto a provarlo.

Perché una camera da letto senza tecnologia ha senso

Ecco quattro motivi legittimi per creare una camera da letto priva di tecnologia.

1. La luce è come una forma visiva di caffeina.

Certo, leggere un libro di carta o una rivista prima di andare a letto aiuta a far sentire le palpebre pesanti. Ma scorrere il telefono, il tablet o il computer garantisce quasi l’effetto opposto, mantenendoti sveglio più a lungo.

Questo perché i dispositivi elettronici emettono luce blu, un tipo di luce che in realtà sopprime la produzione del tuo corpo della melatonina, l’ormone del sonno . Di conseguenza, ti senti più sveglio e hai più difficoltà a sonnecchiare anche dopo aver riposto il dispositivo.

E le qualità che distruggono il sonno si dimostrano difficili da ignorare. Gli ricercatori hanno confrontato la qualità del sonno dei soggetti che leggono sui dispositivi prima di andare a letto con quelli che leggono libri di carta. Hanno scoperto che gli utenti del dispositivo secernevano meno melatonina. Si sentivano anche meno assonnati di notte, impiegavano più tempo ad addormentarsi, avevano cicli REM più brevi ed erano più stanchi il giorno successivo.

Il tuo controllo Instagram della buonanotte vale davvero tutti questi aspetti negativi? Non credo proprio.

2. I dispositivi portano a letto lo stress da lavoro.

Non è un segreto che la tecnologia renda facile affrontare le cose legate al lavoro sempre e ovunque.

E a volte, è necessario controllare occasionalmente la posta elettronica, aggiornare i social media o concludere un progetto una volta tornati a casa la sera. Ma portare tutta quella roba nella tua camera da letto spesso potrebbe lasciarti un po ‘pazzo. E molto sveglio.

In un sondaggio su quasi 2.000 lavoratori , il Future Work Center con sede a Londra ha rilevato che una delle abitudini più stressanti legate alla posta elettronica era controllarla a tarda notte. Nella migliore delle ipotesi, ricevere un’e-mail dal tuo capo alle 23:00 riporta il tuo cervello alla modalità di lavoro. E nel peggiore dei casi, ti lascia totalmente stressato. In ogni caso, probabilmente ti divertirai di più ad addormentarti.

La soluzione? Scegli un momento molto prima di cadere sul tuo comodo materasso per fare un controllo finale della posta elettronica e lascia i tuoi dispositivi fuori dalla tua stanza quando vai a letto. Anche con le notifiche push disattivate, potresti comunque avere l’impulso di controllare manualmente le tue email. Stabilendo una camera da letto senza tecnologia, annulli completamente la tentazione.

3. I dispositivi ti costringono ad affrontare un caso costante di FOMO.

Anche se, per un miracolo di compartimentalizzazione mentale, riesci a tenere tutte le cose legate al lavoro fuori dai tuoi dispositivi durante la notte, hai ancora a che fare con lo stress che ruba il sonno dalla tua vita sociale.

Certo, potrebbe non avere necessariamente la stessa sensazione urgente di un’emergenza lavorativa. In fondo, sai che le cose che vedi sui social media quando scorri il telefono prima di andare a letto provengono da una posa attenta, da un’abile cura e non rappresentano in alcun modo la vita reale.

Eppure, vedere i tuoi amici in vacanza su una spiaggia esotica, o il tuo vecchio compagno di stanza del college che si vanta umilmente del suo fantastico nuovo lavoro, o i tuoi amici in tutto il paese che si fanno selfie, garantisce sentimenti ansiosi e scadenti.

E chi ne ha bisogno prima di andare a letto?

4. Se non altro, ti fanno rimanere sveglio più tardi.

Forse sei l’unicorno la cui capacità di addormentarsi è totalmente inalterata dalla luce blu. Forse esemplifichi l’arte dell’equilibrio tra lavoro e vita privata e controlli la posta 20 minuti prima di andare a letto senza farti eccitare. Forse sei così sicuro di te stesso che non provi nient’altro che pura, pura felicità per tutti i tuoi amici quando scorri i tuoi feed social.

Se è così, bene. (In effetti, fantastico. Possiamo uscire e scegliere il tuo cervello?)

Ma ecco il punto. Anche se dici con certezza al 100% che i tuoi dispositivi non influiscono sulla tua capacità di addormentarti quando provi a chiudere gli occhi, usare il tuo dispositivo a letto quasi certamente significa comunque che stai perdendo tempo su Internet che dovresti essere spendere per dormire.

Sì, la procrastinazione del sonno o il rimanere svegli praticamente senza motivo significativo, è una cosa reale. Inoltre, i risultati mostrano che la maggior parte di noi ne è colpevole, e la cosa più importante è – avete indovinato! – guardare programmi o usare i social media.

E diventiamo reali. Anche se metti il ​​telefono sul comodino e provi a leggere un libro di carta poiché è solo una questione di tempo prima che tu lo prenda e inizi a scorrere di nuovo.

Quindi tienilo fuori dalla tua stanza. Certo, all’inizio potrebbe sembrare strano. Ma dopo un paio di notti senza tecnologia, potresti ritrovarti più energico e rinfrescato di quanto non fossi da un po ‘.

Questo articolo è a scopo informativo e non deve sostituire i consigli del medico o di un altro professionista medico.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

L’abitudine della buonanotte di cui sei decisamente colpevole e come romperla

Cos’è il Forest Bathing e come può aiutarti a gestire lo stress?