in

Fai un respiro profondo per alleviare il GERD

E se il sollievo dal reflusso fosse semplice come fare alcuni respiri profondi?

Secondo recenti ricerche, se soffri di una lieve malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), la tua respirazione potrebbe svolgere un ruolo nel tuo piano di trattamento generale. Un piccolo studio pubblicato su The American Journal of Gastroenterology ha mostrato che i partecipanti che hanno appreso le tecniche di respirazione per rafforzare il diaframma hanno avuto meno reflusso nel tempo rispetto a quelli che non hanno ricevuto la formazione.

È una notizia entusiasmante e se ti fermi a pensarci, è facile vedere la connessione. Si ritiene che l’ingestione di aria contribuisca al reflusso e può accadere attraverso una serie di abitudini quotidiane, come inghiottire il cibo o fare respiri superficiali e veloci. L’allenamento ti mostra come respirare correttamente in modo da non creare pressione, afferma la gastroenterologa Aline Charabaty, MD, direttrice del Center for Inflammatory Bowel Disease presso la Georgetown University di Washington, DC E, secondo i ricercatori, l’utilizzo di queste tecniche aiuterà a rafforzare i muscoli che circondano lo sfintere esofageo inferiore, che controlla il flusso del contenuto dello stomaco.

Advertising

Ulteriori prove che dimostrano che la giusta respirazione può portare sollievo da GERD proviene da uno studio australiano che ha esaminato le persone con apnea ostruttiva del sonno. La respirazione interrotta dell’apnea notturna può causare reflusso gastroesofageo notturno e l’uso di una pressione positiva continua delle vie aeree, o CPAP, macchina per regolare l’apnea sembra anche alleviare i sintomi da reflusso a causa dell’effetto positivo che ha sul LES.

Imparare a respirare in modo più consapevole e corretto potrebbe aiutare a ridurre lo stress e l’ansia, oltre a fornire sollievo dalla GERD. Poiché lo stress è un fattore scatenante per le cattive abitudini respiratorie (e una moltitudine di altri problemi di salute), la respirazione concentrata può aiutarti a interrompere il ciclo.

Respirazione profonda per aiutare il bruciore di stomaco

Non hai bisogno di una prescrizione per provare tecniche di respirazione migliori. Prova queste idee per concentrarti sulla respirazione per alleviare il bruciore di stomaco:

  • Respirate più lentamente e profondamente. Quando sei stressato, il tuo respiro diventa più superficiale. Diventa più consapevole del tuo respiro durante il giorno in modo da poterlo rallentare quando ti senti più ansioso.
  • Prova lezioni di yoga o meditazione. Entrambe queste discipline enfatizzano la respirazione lenta e profonda aumentando la consapevolezza del proprio respiro e del proprio corpo. Potresti non essere sempre in grado di utilizzare le tecniche esatte (alcuni esercizi di respirazione yoga potrebbero non essere appropriati sul posto di lavoro, ad esempio), ma imparerai strumenti per rafforzare la respirazione in generale.
  • Impara la respirazione diaframmatica. Ecco come eseguire questa sana respirazione profonda: inizia sedendoti comodamente e respirando normalmente. Metti una mano sul petto e l’altra sulla pancia. Respirate profondamente con il diaframma in modo che la mano sulla pancia si muova ma la mano sul petto no. Immagina che l’aria entri in basso verso la pancia anziché in alto nel petto.
  • Mangia e bevi più lentamente. Questo ridurrà l’aria che penetra nello stomaco invece che nei polmoni.
  • Non fumare. Il fumo di sigaretta è collegato al reflusso e rende difficile respirare completamente e correttamente.

Il sollievo dal bruciore di stomaco potrebbe essere facile come sedersi in posizione eretta e imparare a respirare un po ‘più profondamente e lentamente, un approccio che non ha effetti collaterali. E soprattutto, puoi provarlo subito.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
Advertising

Farmaci e cure per la malattia di Crohn

Dieta priva di PMS? Quello che mangi può influire sulla sindrome premestruale