in

Fatti, cause e tipi di parasonnia

È possibile parlare, camminare, urlare, mangiare o persino andare in giro nel sonno. Questi comportamenti ed esperienze anormali e dirompenti legati al sonno sono noti come parasonnia e possono manifestarsi per vari motivi….

È possibile parlare, camminare, urlare, mangiare o persino andare in giro nel sonno. Questi comportamenti ed esperienze anormali e dirompenti legati al sonno sono noti come parasonnia e possono manifestarsi per vari motivi.

La parola “parasomnia” deriva dal prefisso greco “para” che significa “a fianco” e dal sostantivo latino “somnus” che significa “sonno”.

Advertising

La parasonnia è un disturbo del sonno caratterizzato da comportamenti o esperienze verbali o fisiche indesiderabili che si verificano durante l’addormentamento, il sonno o il risveglio. Potresti o meno ricordare un episodio di parasonnia quando lo provi tu stesso.

Sonnambulismo, incubi, paralisi del sonno e disturbi del terrore del sonno fanno tutti parte della parasonnia e spesso ti fanno sentire spaventato o esausto.

Fatti di parasomnia

Il tuo corpo non è inattivo durante il sonno: il tuo cervello e il tuo corpo svolgono numerose attività durante questo periodo. Mentre passi da uno stato di veglia a NREM (Non-Rapid Eye Movement) a REM (Rapid Eye Movement), il tuo cervello passa attraverso le fasi. Queste transizioni non avvengono premendo un pulsante: richiede la riorganizzazione e la progressione regolare dei vari centri neurali prima che uno stadio specifico possa manifestarsi correttamente.

Durante la notte in genere si verificano da quattro a sei cicli di sonno, con ogni ciclo che attraversa le fasi da 1 a 3 del sonno NREM, seguito da REM quando il cervello diventa più attivo. Durante ciascuna di queste fasi, il tuo corpo subisce cambiamenti fisiologici, come cali di pressione sanguigna, frequenza cardiaca e temperatura corporea.

Il primo ciclo di sonno richiede circa 90 minuti per essere completato, seguito da cicli di sonno consecutivi per tutta la notte. Negli ultimi cicli di sonno, la durata del sonno REM aumenta. Durante queste transizioni, il cervello attraversa una sovrapposizione di stadi che possono portare a uno stato instabile, innescando manifestazioni di parasonnia.

Cause di parasonnia

C’è ancora molto da esplorare nell’area dei problemi del sonno e della parasonnia. Sebbene le sue cause non siano chiare, alcuni casi di parasonnia possono essere dovuti a determinati fattori come disturbi del sonno, genetica, disturbi cerebrali, disturbi neurologici, traumi psicologici profondi o effetti collaterali di farmaci da prescrizione.

Disturbi del sonno e privazioni

La mancanza di sonno ristoratore potrebbe innescare alcuni episodi di parasonnia. Quando il tuo corpo non riesce a dormire bene, il cervello può innescare questi spiacevoli momenti. È importante mantenere una buona igiene del sonno. Gli stimoli esterni come il rumore forte o la luce intensa o gli stimoli interni come il dolore fisico o la vescica piena possono rappresentare un disturbo del sonno.

Genetica

Come molti altri disturbi, la parasonnia può essere genetica. Se uno o entrambi i genitori hanno avuto frequenti episodi di parasonnia, è probabile che anche i loro figli abbiano esperienze simili.

I pediatri insistono sul fatto che i genitori riferiscano qualsiasi episodio di parasonnia nei loro figli. Mentre prendono i dettagli sulla storia del sonno del bambino, controllano anche le esperienze dei genitori per accertare se i bambini sono geneticamente predisposti alla parasonnia.

Disturbi psicologici

A volte la parasonnia si manifesta in disturbi psicologici, come depressione, disturbo bipolare o autismo, e può avere difficoltà a dormire la notte. La mancanza di una buona notte di sonno può innescare alcuni casi di parasonnia.

Disordini neurologici

Il tuo cervello e i tuoi nervi sono strettamente collegati, quindi disturbi neurologici come il morbo di Parkinson, la narcolessia o la demenza a volte possono portare a casi di parasonnia.

Trauma psicologico profondo

Incidenti come la morte o la separazione possono avere un forte impatto psicologico sulla mente, portando a disturbi del sonno che potrebbero innescare casi di parasonnia.

Febbre

La termoregolazione naturale del corpo è controllata dal cervello ma potrebbe non essere altrettanto efficace nel controllare gli episodi di parasonnia provocati dalle alte temperature. Le alte temperature dovute alla febbre a volte possono rovinare il cervello durante il sonno, portando a spiacevoli esperienze di parasonnia. Alcune persone sperimentano anche sogni febbrili quando la loro temperatura corporea è elevata durante il sonno.

Effetti collaterali dei medicinali

È noto che alcuni farmaci come antidepressivi, litio e tioridazina hanno un effetto sul cervello, causando episodi di parasonnia.

Parasonnia nei bambini

Il cervello dei bambini è il più attivo rispetto agli adulti a causa delle loro fasi di crescita e sviluppo. Durante il sonno, il cervello è più attivo. Un cervello giovane super attivo può avere difficoltà a passare agevolmente tra le diverse fasi del sonno, portando a casi di parasonnia. Il sonno è la quinta principale preoccupazione segnalata dai genitori sui propri figli.

La parasonnia si verifica a causa di disturbi del sonno ed è solitamente più comune nei bambini  che negli adulti. Molte parasonnie pediatriche sono benigne e di solito svaniscono con il tempo. I bambini sono più inclini a disturbi del sonno, il che spiega perché le parasonnie sono più comuni in loro.

Tipi di parasonnia

Secondo la classificazione internazionale dei disturbi del sonno (ICSD), la parasonnia è stata classificata in base alle fasi del sonno, quando è probabile che si verifichi.

NREM State Parasomnia

La caratteristica comune di questo tipo di parasonnia sono le interruzioni del sonno a intervalli frequenti, specialmente durante il sonno a onde lente che si verifica nelle fasi 3 e 4 del sonno NREM. Di solito si verificano durante la prima metà della notte. I fattori che compromettono il consolidamento del sonno innescano questi casi di parasonnia, più comunemente osservati nei bambini.

Sonnambulismo o sonnambulismo

Il sonnambulismo, o sonnambulismo, è l’atto di alzarsi e muoversi durante il sonno, con gli occhi spalancati. Questo di solito si verifica durante i cicli di sonno profondo non REM. I sonnambuli sembrano svegli, ma in realtà stanno dormendo: non ricordano di aver vagato.

A volte, chi dorme può svegliarsi durante il sonnambulismo, oppure può sonnambulismo e tornare a letto senza mai rendersi conto di cosa sia successo. Questo è comunemente osservato nei bambini di età compresa tra 6 e 12 anni, ma può anche essere visto negli adulti e negli anziani. Se il sonnambulismo è di famiglia, a recente studio della National Library of Medicine dimostra che il sonnambulismo infantile ha un’aggregazione familiare.

Il sonnambulismo può essere pericoloso perché il sonnambulo non è a conoscenza di ciò che lo circonda e può urtare qualcosa o cadere. Fai dei passi come mettere un cancello sulle scale e chiudere le porte quando hai un sonnambulo in casa. Ci sono stati rari casi di sonnambuli che escono di casa e talvolta guidano.

I pediatri consigliano ai genitori di tenere d’occhio i bambini mentre dormono, per riconoscere i segni di parasonnia nei bambini se ce ne sono.

Terrori del sonno o terrori notturni

I terrori del sonno o i terrori notturni sono i casi in cui la persona si sveglia improvvisamente per la paura. I terrori del sonno o i terrori notturni possono essere accompagnati da pianto o urla con un aumento del battito cardiaco, respirazione o viso arrossato. La persona che lo sta vivendo può sembrare sveglia, ma in realtà non ne ha memoria.

Gli episodi di terrore del sonno sono brevi, ma a volte possono durare dai 30 ai 40 minuti, dopodiché la persona sembra riaddormentarsi. L’intero episodio può verificarsi senza che la persona interessata ne abbia memoria.

Come il sonnambulismo, il terrore notturno o il terrore notturno si verificano durante il sonno profondo NREM, di solito nella prima metà della notte e possono essere familiari. Questo è comune nei bambini di età compresa tra 4 e 12 anni, ma può occasionalmente verificarsi negli adulti e negli anziani.

Disturbo alimentare correlato al sonno

Il disturbo alimentare correlato al sonno è un’estensione del sonnambulismo, in cui le persone che lo sperimentano sono coinvolte in frequenti episodi di abbuffate e alcolici. Potresti esserne parzialmente o completamente consapevole quando prepari o mangi cibo, ma non ricordi nulla di questi episodi la mattina successiva.

Questo può essere pericoloso in quanto potresti finire per mangiare qualcosa di non commestibile, tossico, congelato o crudo. Può portare a eccesso di cibo, problemi digestivi e obesità. A causa della coscienza parziale, potresti ferirti mentre prepari il cibo: l’uso inappropriato degli elettrodomestici da cucina può essere pericoloso.

Questo disturbo si osserva nelle prime ore della notte durante il sonno profondo NREM. A volte può essere correlato a un disturbo alimentare diurno, come la bulimia o l’anoressia. Gli effetti collaterali di alcuni farmaci, stress, ansia, depressione o privazione del sonno a volte possono scatenare questo disturbo.

REM State Parasomnia

La parasonnia dello stato REM si verifica durante il sonno REM quando il cervello è attivo. Di solito si verificano durante la parte successiva della notte perché la REM aumenta durante la notte. Nei primi cicli del sonno, la REM dura 10 minuti, ma durante i cicli successivi la sua durata aumenta.

Disturbo da incubo

I disturbi da incubo comportano sogni vividi durante il sonno, che evocano sentimenti di paura, stress o ansia. Accadono durante il sonno REM quando il cervello è attivo, quindi le esperienze sembrano quasi reali. La persona che sperimenta gli incubi tende a svegliarsi bruscamente a causa di estrema paura, stress o ansia. Spesso ricordano i loro incubi in dettaglio e hanno difficoltà ad addormentarsi a causa degli effetti dell’adrenalina. Gli incubi possono essere causati da febbre, dolore personale, traumi fisici o psicologici o come effetto collaterale dei farmaci.

Paralisi nel sonno

Nella paralisi del sonno, non sei in grado di muovere il tuo corpo o gli arti mentre il tuo cervello è sveglio. Dura per un breve periodo – pochi secondi o minuti – ma può essere terrificante a causa della sensazione di paralisi da sveglio. Ciò accade durante le transizioni tra le fasi del sonno ed è causato da privazione del sonno, sonno inadeguato o orari irregolari del sonno-veglia.

Disturbo comportamentale del sonno REM (RBD)

Coloro che soffrono di disturbi del comportamento del sonno REM recitano i loro sogni in modo drammatico o violento. Durante il sonno REM, il corpo è solitamente in uno stato di paralisi noto come atonia, ma coloro che soffrono di questo disturbo muovono il corpo o gli arti durante i sogni. Questo è generalmente visto negli uomini sopra i 50 anni, ma a volte i bambini o le donne possono sperimentarlo. RBD può rappresentare una minaccia per un partner del sonno perché il movimento agitato e violento degli arti può causare lesioni. Gli effetti collaterali degli antidepressivi possono portare a RBD. A volte possono essere sintomatici di alcune malattie neurodegenerative come il Parkinson o la demenza.

Altri tipi di parasonnia

Questi tipi di parasonnie non dipendono da un particolare stato di sonno. Possono verificarsi in qualsiasi momento durante i cicli del sonno.

Sindrome della testa che esplode

La sindrome della testa che esplode è quando senti suoni forti e immaginari nel sonno. La causa di ciò non è nota, ma è noto che lo stress e la privazione del sonno lo innescano.

Bruxismo del sonno

Il bruxismo del sonno è il serrare o digrignare i denti durante il sonno ed è considerato un disturbo del movimento correlato al sonno. Le persone che ne soffrono hanno maggiori probabilità di avere altri disturbi del sonno come l’ apnea notturna .

Sindrome delle gambe senza riposo (RLS)

La sindrome delle gambe senza riposo è una sensazione di disagio alle gambe che ti fa muovere o allungare le gambe frequentemente mentre dormi: potresti provare prurito, gattonare o sensazioni di spilli e aghi. Questi episodi di movimenti periodici degli arti interferiscono e disturbano il sonno.

Opzioni di trattamento

A seconda della causa e della gravità della condizione, il tuo medico può prescrivere farmaci per il sonno, terapia o cambiamenti dello stile di vita. La parasonnia spesso svanisce con il tempo, ma a volte sono manifestazioni di una condizione medica.

Domande frequenti

La parasonnia è un disturbo psichiatrico?

Le parasonnie sono note per essere esperienze spiacevoli, ma non sono un’indicazione di un disturbo psichiatrico. Possono essere causati da stress o da qualche altro problema psicologico. Alcune forme di parasonnia sono molto comuni nei bambini, che scompaiono nel tempo.

Quando consultare un medico per la parasonnia?

Se episodi di parasonnia provocano frequentemente disturbi al tuo normale stile di vita, ti consigliamo di consultare un medico.

Conclusione

Le esperienze di parasonnia possono sembrare intimidatorie, ma non sono nulla di cui aver paura: sono come i brutti sogni, che scompaiono nel tempo. Se hai la parasonnia, prova a registrare i loro eventi e consulta un medico se gli episodi diventano più frequenti.

Questo articolo è a scopo informativo e non deve sostituire i consigli del medico o di un altro professionista medico.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Che cos’è uno studio del sonno e come funziona

3 mamme condividono i loro trucchi per il sonno infallibili