in

La malattia infiammatoria intestinale comporta costi sanitari elevati per i pazienti

costi ibd
Se hai l’IBD come condizione preesistente, probabilmente hai già notato lo shock adesivo.

iStock

Le persone con malattie infiammatorie intestinali possono avere costi sanitari più di tre volte superiori a quelli che potrebbero altrimenti sostenere, secondo una ricerca pubblicata a maggio 2019 sulla rivista Inflammatory Bowel Diseases .

Advertising

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) comporta un’infiammazione cronica o ricorrente del tratto gastrointestinale. Una forma, la malattia di Crohn, può creare infiammazione in tutto il tratto digerente, ma il più delle volte colpisce la porzione dell’intestino tenue prima del colon. Con l’altra forma, la colite ulcerosa, si infiammano solo l’intestino crasso e il retto.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i costi sanitari per circa 12-14 milioni di pazienti a livello nazionale con assicurazione medica privata o copertura tramite Medicare, tra cui quasi 53.000 persone con diagnosi di IBD. Per valutare i costi, hanno esaminato i registri assicurativi per i reclami medici e farmaceutici dal 2007 al 2016.

I pazienti con IBD avevano costi annuali medi di $ 22.987 rispetto a $ 6.956 per quelli senza IBD.

“Abbiamo scoperto che i pazienti con IBD hanno costi più elevati rispetto a quelli senza una diagnosi di IBD, guidati da fattori tra cui ricoveri associati o utilizzo del pronto soccorso; terapie come oppioidi, steroidi o farmaci biologici; e condizioni mediche al di fuori del sistema digerente ma associate a IBD, come anemia o malattie psichiatriche “, afferma Caren Heller, MD, l’autore senior dello studio e il direttore scientifico della Crohn’s & Colitis Foundation.

“I pazienti con IBD avevano anche costi diretti e indiretti più elevati”, afferma il dott. Heller.

Lo studio ha rilevato che l’IBD è stata associata a più del doppio dei costi vivi per cose come copayments e franchigie. Le spese vive per le persone con IBD erano $ 2.213 all’anno rispetto a $ 979 all’anno per le persone senza la condizione.

Escludendo il costo dei premi assicurativi, i costi per i pazienti con IBD erano in media di $ 26.555 nel primo anno dopo la diagnosi.

Lo studio non ha valutato direttamente la gravità della malattia. Ma i costi sembravano più alti quando i pazienti avevano problemi di salute abbastanza gravi da mandarli al pronto soccorso.

I pazienti con IBD che hanno avuto almeno una visita al pronto soccorso in un anno hanno avuto costi annuali medi di $ 37.759 rispetto ai $ 15.237 per coloro che non hanno richiesto una visita al pronto soccorso.

Alcune ricerche precedenti, pubblicate su Clinical and Experimental Gastroenterology  nel luglio 2015, hanno anche collegato l’IBD a un aumento del rischio di disturbi dell’umore come ansia o depressione, in particolare quando i sintomi dell’IBD sono più gravi.

Nello studio attuale, i pazienti affetti da IBD con una malattia mentale avevano costi medi annuali di $ 35.740 rispetto a $ 18.520 senza un disturbo psicologico.

“Un migliore controllo della malattia significa meno necessità di servizi di assistenza acuta, meno tempo perso dal lavoro e meno necessità di terapie acute (farmaci e interventi chirurgici), che ha il potenziale per ridurre i componenti costosi delle cure”, afferma Jordan Shapiro, MD, gastroenterologico ricercatore presso il Baylor College of Medicine di Houston, che non è stato coinvolto nello studio.

“Anche il benessere psicologico dei nostri pazienti è importante, poiché la depressione e l’ansia sono legate a un maggior numero di sintomi, a una peggiore qualità della vita e a maggiori costi di cura”, afferma il dottor Shapiro.

Perché i costi sono aumentati ancora di più negli ultimi anni

Mentre i costi medi per i pazienti affetti da IBD erano stabili di anno in anno prima del 2012, i costi hanno iniziato ad aumentare dopo. Il costo dei farmaci biologici, farmaci iniettati a base di organismi viventi, sembra aver giocato un ruolo nell’aumento dei costi negli ultimi anni.

Meno di un paziente su cinque IBD ha assunto farmaci biologici, ha rilevato lo studio. Ma i pazienti con IBD che usavano farmaci biologici avevano costi medi annuali da due a tre volte superiori a quelli di altri pazienti con IBD.

“Il costo dei farmaci costosi è di gran lunga il driver più importante dei costi totali”, afferma Bas Oldenburg, MD, PhD, un gastroenterologo presso l’University Medical Center di Utrecht nei Paesi Bassi che non è stato coinvolto nello studio.

Lo studio non era un esperimento controllato progettato per dimostrare se o come l’IBD potesse avere un impatto diretto sui costi sanitari per le compagnie di assicurazione o sui costi vivi per i pazienti.

I costi totali e le spese vive dei pazienti varieranno anche in base al tipo di benefici assicurativi che hanno, afferma il dott. Oldenburg.

“Non c’è quasi nulla” che i pazienti con IBD possano fare per abbassare i costi, aggiunge Oldenburg.

“L’unica cosa che i pazienti con malattia di Crohn possono fare è smettere di fumare, perché questo ridurrà il rischio di riacutizzazioni della malattia, il numero di ricoveri e il numero di interventi chirurgici”, osserva Oldenburg. “E, se i pazienti devono sottoporsi a infusioni regolari, è possibile passare alle iniezioni auto-somministrate a costi potenzialmente inferiori”.

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

Farmaci e cure per la malattia di Crohn

Dieta priva di PMS? Quello che mangi può influire sulla sindrome premestruale