in

Una proteina per diminuire i danni al cuore che seguono l’infarto

attacco cardiaco

Passi avanti nella ricerca sull’infarto.
Alcuni ricercatori hanno infatti scoperto una proteina che, dopo un attacco cardiaco, accentua i danni ai tessuti colpiti dalla patologia.

Secondo gli studiosi, quindi, basterà inibire l’espressione di questa proteina, che precisamente è la fibronectina-EDA, per dare vita ad una terapia per un rapido recupero della salute del muscolo cardiaco.

Advertising

La cosa la leggiamo su Circulation, dove è stato anche evidenziato il procedimento con cui i ricercatori sono giunti alla conclusione.
Lo studio è stato svolto su un gruppo di topi precedentemente colpiti da attacco cardiaco.
Ebbene, i ricercatori hanno notato che proprio nei topolini in cui non era presente la sopracitata proteina presentavano un più veloce ristabilimento fisico a seguito dell’infarto.

foto © babyboomercare

Advertising
Advertising

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0
Advertising

PER IL 25% DEI CASI SI VA DAL MEDICO DI BASE PER RAFFREDDORE, INFLUENZA E BRONCHITE

Effetto week-end: due giorni di intenso benessere